Il primo maggio, FESTA DEL NON LAVORO

L'obiettivo principale di questa giornata internazionale fu quello della riduzione della giornata lavorativa ad 8 ore

Lessi tanti anni fa un eccellente articolo riguardo alla festa del primo maggio sulla rivista del Manifesto, allora curata da Rossana Rossanda. Si sottolineava in quell’articolo – provocatoriamente – che il primo maggio nacque come FESTA DEL NON LAVORO.

La provocazione era solo apparente, infatti l’obiettivo principale di questa giornata internazionale – sin dalla sua origine- fu quello della riduzione della giornata lavorativa ad 8 ore. Alle origini della rivoluzione industriale se ne facevano anche 16 (16!): donne e bambini compresi (successivamente con qualche ora di sconto…. bontà loro!).

Alla fine il risultato delle 8 ore (e anche meno) é stato raggiunto. Certo, c’entra pure l’evoluzione tecnologica, ma l’apporto del movimento sindacale dei lavoratori e della sinistra del ‘900 (specie di quella riformista) fu fondamentale.

Prova ne sia che anche nei cosiddetti “paesi emergenti” ci sono le tecnologie, eppure lì si lavora per 10/12 ore al giorno con una ininterrotta oppressione senza diritti! Con un connubio stretto tra multinazionali, regimi a partito unico e/o paesi comunque illiberali.

Il tema del “Non lavoro” é quanto mai attuale oggi. È collegato pure ai temi ambientali.

Se la spaventosa concentrazione della ricchezza (il 20% della popolazione mondiale più ricca possiede l’equivalente dell’80% meno ricca e più povera) fosse redistribuita, si migliorerebbero le condizioni dei lavoratori di tutto il mondo (riduzione e umanizzazione delle ore di lavoro, salari appropriati, ect) e al tempo stesso non ci sarebbero più milioni di morti per fame e malattie curabili. Almeno dieci milioni ogni anno!

Se la ricchezza – oltre a essere redistribuita – fosse complessivamente ridotta  e indirizzata verso consumi collettivi ed essenziali ne trarrebbe un grande beneficio l’ecosistema. Le risorse non sono illimitate. La cosiddetta “economia green” da sola non può bastare.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.