A Palermo, Monreale e Cefalù Notte Bianca dell’UNESCO. Sabato 10 marzo monumenti aperti

0

Monreale, 5 marzo 2018 – Un museo a cielo aperto, illuminato dalla luna, in cui sarà possibile visitare il Palazzo della Zisa, perdersi tra i mosaici della Cappella Palatina, scoprire un inedito e artistico Ponte dell’Ammiraglio e la Cattedrale o passeggiare nei chiostri dei monaci. Sabato 10 marzo torna la “Notte Bianca dell’UNESCO” che permetterà di vedere di sera i luoghi del percorso arabo-normanno di Palermo, Monreale e Cefalù, ma anche altri siti che aderiscono all’apertura straordinaria in notturna. 

In occasione dell’Anno europeo del Patrimonio Culturale e del “Laboratorio del Dialogo tra le Culture”, i monumenti UNESCO di “Palermo arabo-normanna e le cattedrali di Cefalù e Monreale” saranno aperti al pubblico, gratuitamente, dalle 19.00 alle 24.00. 

L’insieme degli edifici costituenti il sito di ‘Palermo arabo-normanna e le Cattedrali di Cefalù e Monreale’ rappresenta un esempio materiale di convivenza, interazione e interscambio tra diverse componenti culturali di provenienza storica e geografica eterogenea. Tale sincretismo ha generato un originale stile architettonico e artistico, di eccezionale valore universale, in cui sono mirabilmente fusi elementi bizantini, islamici e latini, capace di volta in volta di prodursi in combinazioni uniche, di eccelso valore artistico e straordinariamente unitarie. Il sincretismo arabo-normanno ebbe un forte impatto nel medioevo, contribuendo significativamente alla formazione di una koinè mediterranea, condizione fondamentale per lo sviluppo della civiltaà mediterraneo-europea moderna.

I monumenti visitabili

1. Palazzo Reale / Cappella Palatina (ultimo accesso alle ore 23.00)
2. Chiesa di San Giovanni degli Eremiti
3. Chiesa di Santa Maria dell’Ammiraglio (Chiesa della Martorana)
4. Chiesa di San Cataldo
5. Cattedrale di Palermo
6. Palazzo della Zisa
7. Ponte dell’Ammiraglio
8. Cattedrale e Chiostro di Cefalù (chiusura ore 21.00)
9. Cattedrale e Chiostro di Monreale

 

 

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.