Segnala a Zazoom - Blog Directory

Monreale “Città che legge”: Incontri su poesia e letteratura

A seguito dell'attribuzione del recente titolo di "Città che legge", il Comune di Monreale ha organizzato, tramite il progetto "Diverso Inverso - Poesie e Discordanze", una serie di incontri su poesia e letteratura, che si terranno nei mesi di Dicembre e Gennaio 2023

A Casa della Cultura, il Comune di Monreale, con l’ausilio della professoressa Amelia Crisantino, sta organizzando nelle giornate di Mercoledì 30 Novembre, Mercoledì 14 dicembre e Martedì 10 gennaio, dalle 16.30 alle 18.30, l’iniziativa “Diverso Inverso – Poesie e Discordanze” – Incontri e letture con Giuseppe Spinnato e Andrea Castrovinci.

Il progetto comprenderà tre incontri, dove verranno messi in relazione autori tra loro distanti e sarà compito dei moderatori, Giuseppe e Andrea, condurre gli ascoltatori in questo viaggio secolare. Il tema del primo incontro sarà quello della ribellione e del conformismo e gli autori proposti saranno San Francesco d’Assisi ed Eros Alesi. Il secondo incontro vedrà come protagonisti i poeti Guido Gozzano e Ludovico Ariosto, che verranno analizzati dal punto di vista dell’ironia e della tradizione. Nell’ultimo incontro, invece, saranno lucidità e follia ad avvicinare i poeti Torquato Tasso e Dino Campana. Tutti accostamenti insoliti, che aprono nuovi percorsi da cui partire per onorare al meglio l’appena ricevuto titolo di “Città che legge”.

“Lo scopo del progetto è ambizioso ma la letteratura ci aiuta a comprendere meglio chi siamo, e tramite la conduzione di due esperti, due appassionati del testo poetico, ci avvicineremo alla categoria dello spirito, qualcosa per definizione difficile”, afferma l’assessore Letizia Sardisco, e aggiunge: “Dobbiamo lavorare per far crescere quella meravigliosa risorsa interiore che è la lettura, qualcosa che oltre ad arricchirci personalmente crea legami di comunità”.

Inoltre, anche la professoressa Amelia Crisantino ci parla dell’importanza che ricopre questo progetto, sottolineando il fatto che con questa partecipazione: “Monreale è entrata in un circuito virtuoso che consente di accedere a finanziamenti e di proiettarsi avanti sul tema della cultura. Ci troviamo in una situazione di eccellenza che non è solita per la Sicilia, quindi va mantenuta e la comunità deve partecipare, deve attivarsi, non semplicemente guardando lo spettacolo, ma vivendolo e capendo l’importanza che assume per il territorio e per l’intera comunità. Dobbiamo elevarci culturalmente e spiritualmente, e dobbiamo iniziare a riflettere su ciò che vuole diventare la nostra città”.

 

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.