Tempi eccitanti: innamoramento e attrazione nella società odierna

Naoise Dolan affronta le strade dell’indecisione sul tema dell’innamoramento

0

Non sarà l’ennesimo romanzo sull’amore a darci le coordinate ideali su quali siano le sue fondamenta ma può rappresentare un ulteriore spunto di riflessione. Tempi Eccitanti (Atlantide, 304 pp., 16.50 euro) della giovane scrittrice irlandese Naoise Dolan, tradotto in italiano da Claudia Durastanti, è una sorta di “gioco dell’oca” nell’ambito dell’innamoramento e delle attrazioni; dove bastano parole, gesti, suoni e odori a far emergere un sentimento del quale non si sa se sia solido oppure fragilissimo.

La protagonista è Ava, una ragazza irlandese appena laureata. Una personalità forte, a tratti cinica, talvolta brutale nella socialità. Ha un animo impetuoso, mille idee in testa che viaggiano con continuità. Lascia l’Irlanda e decide di trasferirsi a Hong Kong. Quella porzione di pianeta la trova emozionante al punto giusto e perfetta per le sue ambizioni. Lì comincia ad insegnare inglese in una scuola per bambini agiati. L’affitto è una preoccupazione continua, troppo costoso. Si sente insoddisfatta ed infelice, non pensava che l’avventura di Hong Kong sarebbe stata così difficile con un impiego che non la soddisfa e problemi economici continui. Un giorno conosce Julian, un giovane banchiere inglese e comincia a nutrire dell’attrazione per lui. A differenza di Ava, Julian vive con rilassatezza il suo avvenire a Hong Kong: guadagna molto bene ed ha prospettive di lavoro molto importanti. Tra i due nasce un sentimento intenso ma ambiguo: Julian invita Ava nel suo lussuoso appartamento, nasce una relazione che si basa esclusivamente sull’attrazione fisica. La partenza di Julian in Europa per questioni lavorative è un buon pretesto per Ava per poter riflettere su quella relazione strana.

L’incontro successivo con Edith, ragazza metà inglese e metà di Hong Kong, sarà una svolta. Edith, come Julian, rimane affascinata dall’eccentricità di questa ragazza irlandese. Nasce un’amicizia intensa, talmente forte che sfocia in qualcos’altro. Ava si rende conto che Edith, a differenza di Julian, sa amarla per ciò che è e non si accontenta dell’attrazione fisica. Ava è tormentata: chi scegliere tra Julian (di ritorno a breve dall’Europa) e Edith?

Tempi Eccitanti è la celebrazione non originale ma sicuramente appassionante del senso dell’innamoramento e dell’attrazione nella società odierna. L’amore che vive la necessità di riempire un rapporto umano e amoroso con altri contenuti, con dosi di empatia, di accettazione dei difetti o dei lati più fragili di chi si ama, di nutrire l’interiorità e non solo il corpo. Scegliere di vivere l’amore con una parte di cinismo o di escluderla del tutto. Il dubbio di amare è solo una piccola parte dell’enorme e sofisticata macchina che alimenta ogni nostro umore: l’anima, portata a scegliere o rinunciare, procurandosi gioie o eventuali dolori.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.