Una storia di vita vissuta, un pezzo del Risorgimento italiano nel racconto di un monrealese

"1860 sangue alla patria”, di Giovanni Bucceri, inserito in “racconti siciliani”

0

MONREALEA Giovanni Bucceri si illuminano gli occhi quando parla del suo racconto, forse perché è una storia legata a doppio filo con i ricordi felici della sua infanzia. 

Era solo un bambino infatti quando suo nonno lo coccolava con dei racconti intensi che a sua volta aveva ascoltato tanti anni prima dalla bocca di suo nonno. 

Abbiamo intervistato il sig. Bucceri e sentendolo parlare si innesca uno strano meccanismo che ci porta indietro di 160 anni lungo un viaggio a ritroso nel tempo; una prima fermata e ci si ritrova nel 1960, quando ricorreva il centenario dall’Unità d’Italia e un Bucceri bambino si intratteneva con i racconti del nonno, per poi risalire nella macchina del tempo e via indietro di altri 100 anni quando il nonno del nonno, classe 1840,  viveva in prima persona appena ventenne quei giorni che poi sarebbero passati alla storia. 

E nel 2020, durante i lunghi giorni trascorsi a casa nel periodo di lock down, sono riaffiorati i ricordi nella mente del Bucceri, ricordi che il tempo aveva sbiadito. C’è chi si è dilettato con farina e lievito nella preparazione di pizze e torte, chi con lavori di bricolage. A Giovanni Bucceri invece sono bastati carta, penna e un po’ di concentrazione ed ecco che i ricordi hanno plasmato un racconto, poi inserito nell’edizione del concorso letterario nazionale del 2020 dei “racconti siciliani” (casa editrice Historica). Il racconto, dal titolo “1860 sangue alla patria”, narra fatti storici realmente accaduti e personaggi quasi tutti realmente esistiti che intrecciano storie personali con pagine di storia italiana. Nel video l’intervista a Giovanni Bucceri.

Giovanni Bucceri – 1860 sangue alla patria

Publiée par FiloDiretto Monreale sur Mardi 22 septembre 2020

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.