“La costruzione della Sagrada Familia e di Gaudì”, due lectio magistralis dell’architetto Chiara Curti

0

Monreale, 23 ottobre – Si terranno a Palermo e Monreale, rispettivamente il 25 e 26 ottobre, le due lectio magistralis dell’architetto Chiara Curti, docente presso la facoltà Antonio Gaudì di Barcellona. L’evento è promosso dall’Unipegaso di Palermo e dall’associazione Palma Vitae di Castelvetrano (TP).

L’appuntamento di martedi 25 ottobre si terra’ a Palermo alle ore 17, presso la sede dell’ Unipegaso, palazzo Mazzarino, via Maqueda 383, e avrà come oggetto:“Il femminile nella Sagrada Familia di Barcellona”. Attraverso un percorso fatto di immagini, si andrà alla scoperta della donna nella concezione architettonica e simbolica della Sagrada. Un tema inedito, trattato dall’architetto Chiara Curti, unica donna italiana a lavorare nel cantiere della basilica e tra i massimi esperti al mondo di Gaudì.

L’incontro del 26 ottobre si svolgerà alle 11 a Monreale, nel salone del Palazzo Arcivescovile alla presenza dell’Arcivescovo S.E. Mons. Michele Pennisi. L’architetto Chiara Curti parlerà de “La costruzione della Sagrada Familia e di Gaudì”. Con l’ausilio di immagini e documenti , sarà raccontata l’eccezionalità del cantiere della cattedrale dove, lo stesso Gaudì, nel modellare il Tempio Espiatorio, si è lasciato “modellare” da quel progetto ambizioso che continua nel tempo a forgiare anima e materia.

Tra i soggetti promotori dei due appuntamenti, l’Università telematica Pegaso di Palermo – leader nel settore delle Università on line e dell’Alta Formazione – e l’associazione Palma Vitae, dedita al supporto di donne in difficoltà e vittime di violenza.
Uniti in questo approccio che riconosce come punto centrale e imprescindibile il rispetto e il valore della persona, i soggetti promotori dei due eventi, offrono l’opportunità di una riflessione e di un approfondimento dall’alto valore culturale e sociale, cui farà da cornice la bellezza della grande opera di Gaudì che continua a sfidare l’uomo e la sua arte.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.