“Europe on the Road: Ripartiamo dal basso”: un workshop per rilanciare l’economia siciliana

L'evento si svolgerà domani a Piana degli Albanesi

0

PIANA DEGLI ALBANESI – Si svolgerà a Piana degli Albanesi, presso l’Aula Consiliare, in Via Palmiro Togliatti 2, nella giornata del 28 luglio, dalle 16.00 alle 19.00, un workshop dal titolo: “Europe on the Road: Ripartiamo dal basso”. L’evento, organizzato dal laboratorio di idee WeStart, gruppo di professionisti siciliani, fa parte integrante di un tour di incontri, in programma fino alla fine di luglio, in diversi comuni della Città Metropolitana di Palermo.

L’obiettivo di tali incontri è quello di coinvolgere le pubbliche amministrazioni, delle città sedi di svolgimento dei workshop, le aziende locali e tutti quei portatori di interessi economici che rendono il territorio performante ed attrattivo, dal punto di vista turistico, in modo da progettare ed attuare una serie di azioni concrete per rilanciare l’economia siciliana, duramente colpita dall’attuale pandemia da Covid-19.

Nell’incontro considerate le peculiarità della comunità di Piana verranno affrontati i temi riguardanti gli strumenti finanziari, da impiegare per promuovere e valorizzare le attività economiche delle comunità Arbëreshë in Sicilia, sull’importanza dell’identità culturale, come strumento in grado di generare un valore economico.

A porgere i saluti istituzionali sarà il sindaco di Piana degli Albanesi, Rosario Petta; Relatore, l’Avv. albanese Matilda Balliu; in rappresentanza di WeStart, interverrà nel workshop, Manfredi Mercadante. Interverranno inoltre: l’Ing. Piero Tuzzo, Director di StSicily.it e l’Ing. Antonio Volpe, CEO di Powersint S.r.l.s.

“Grazie agli organizzatori per aver scelto Piana degli Albanesi come tappa per questo importante evento – ha dichiarato il Sindaco Rosario Petta .- l’incontro sarà importante per discutere e confrontarci sull’individuazione di risorse e strumenti finanziari per elaborare progetti culturali e sociali atti alla tutela e valorizzazione della nostra cultura con il coinvolgimento di attività locali, enti, associazioni e giovani”.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.