Santa Lucia, l’arancina più buona a Monreale?

0

Monreale, 13 dicembre 2017 – Nel giorno di Santa Lucia, la tradizione dice di astenersi da farinacei, pane e pasta ma in compenso avviene una vera e propria scorpacciata di arancine. È la giornata dell’odore di fritto nell’aria, già dalle prime ore dell’alba. Il profumo arriva fuori dalle rosticcerie, ma anche dalle abitazioni di chi ancora prepara in casa il simbolo della festa. 

Nel giorno di Santa Lucia il menù del giorno prevede anche gateau di patatepanelle dolci e l’altro pezzo forte, la cuccìa: chicchi di grano bolliti immersi in pirofile di ricotta zuccherata e condita con pezzi di cioccolato e canditi.

Ieri l’arancina di Sfrigola si è aggiudicata il podio della più buona del 2017. Palermo vince la disfida con Catania fra arancina e arancino grazie alla bontà fritta della ‘Chicco tondo’ dei fratelli Pizzurro ideatori del format arancine a vista e fondatori del progetto di franchising ‘Sfrigola’. A Villa Igea il confronto fra i 3 migliori produttori di arancine palermitane e i tre migliori produttori di arancini catanesi. Alla fine l’ha spuntata Sfrigola ottenendo il miglior risultato in assoluto. La gara, organizzata dal giornale Cronache di gusto, quest’anno ha visto una modifica al format tradizionale. Una prima selezione a Palermo ha scelto le 10 arancine più buone ed ha posto sul podio ex equo le tre migliori. 

Ma a Monreale qual è la migliore arancina? I bar e le rosticceria di Monreale già da qualche giorno sono stati inondati di prenotazioni, ma ogni monrealese si affida a quello di fiducia. Ormai i gusti dell’arancina sono diversi. I banconi stracolmi di una varietà di sapori, le classiche carne e burro fanno spazio alle palle di riso al salmone, ai funghi, spinaci, salsiccia, salame. Ma non mancano anche le arancine dolci come quelle alla nutella. E voi siete tradizionalisti e quindi non tradirete la classica arancina alla carne oppure andrete alla scoperta di nuovi gusti?

La leggenda racconta che la Patrona di Siracusa, Lucia, protettrice degli occhi, è una delle sante più venerate a Palermo. Così si narra che in un periodo di carestia i palermitani si affidarono proprio alla santa aretusea per interrompere il digiuno che “rispose” facendo arrivare al porto un bastimento carico di grano. Il grano non venne sottoposto a molitura per farne farina, venne bollito e condito con un filo d’olio per sfamare il maggior numero di persone nel più breve tempo possibile. Nacque così la cuccia, altra specialità gastronomica che oggi sarà su molte tavole. Da quel momento si dice che i palermitani nel giorno di Santa Lucia preferiscano astenersi dai farinacei, pane e pasta su tutti. C’è chi addirittura in questa giornata non tocca assolutamente cibo.

U miraculu ri Santa Lucia 
 
Mi rissi me nanna, quann’era nica:
“Ora ti cuntu ‘na storia antica”.
‘Ncapu li ammi mi fici assittari
e araciu araciu si misi a cuntari.
 
“Ci fu ‘na vota, a Siracusa
‘na caristìa troppu dannusa.
Pani ‘un cinn’era e tanti famigghi
‘un n’arriniscìanu a sfamari li figghi.
Ma puru ‘m mezzu a la disperazioni
‘un ci mancava mai ‘a devozioni
e addumannavanu a Santa Lucia
chi li sarvassi d’a caristìa.
‘U beddru jornu arrivau di luntanu
rintra ‘u portu siracusanu
‘na navi carrica di frummentu
a liberalli ri ‘ddru turmentu.
Pi li cristiani la gioia fu tanta
chi tutti vuciavanu ‘viva la Santa!’,
picchì fu grazi a la so ‘ntercessioni
ch’avìa arrivatu ‘ddra binirizioni. 
Tutti accurrìanu a la marina,
ma era frummentu, ‘un n’era farina
e cu ‘u pitittu ch’un facìa abbintari
‘un c’era tempu di iri a macinari.
Pi mettisi subitu ‘n’sarvamentu
avìanu a cociri lu stessu frummentu
e pi la forma ‘a coccia’ ch’avìa
accuminciaru a chiamalla ‘cuccìa’.
La bona nova arrivau luntana
e pi sta màrtiri siracusana
fu accussì ranni la venerazioni
chi fici nasciri ‘na tradizioni.
Passau lu tempu d’a caristìa
e arristau l’usanza pi Santa Lucia:
d’un fari pani, d’un cociri pasta,
e di manciari la cuccìa e basta.
Ma lu sapemu, ci voli picca
e l’usanza di scarsa addiventa ricca.
A ognunu ci vinni la bedda pinzata
di priparalla chiù elaborata.
Cu ci mittìa ‘u biancumanciari 
e cu vinu cottu ci vosi ammiscari.
Cu ci vulìa ‘u meli ri ficu
e tanti autri cosi, chi mancu ti ricu.
Ma jò vulissi sapiri, a la fine,
di runni spuntaru ‘sti beddre arancine?
E m’addumànnu di quali manu
nasceru panelli e risu a tianu?”
 
E a mèntri chi me nanna si sfirniciàva,
a mia ‘u stommacu mi murmuriava
e mi ricordu chi c’avissi rittu: 
“Me nanna, zittuti ch’haiu pitittu!”
 
.

 

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.