Scuole superiori, dietrofront in Sicilia, si comincerà solo l’8 febbraio

Da lunedì 1 febbraio rientrano le classi seconde e terze delle secondarie di primo grado, dall’8 febbraio le secondarie di secondo grado, ma al 50 per cento

0

Marcia indietro in Sicilia. Dopo l’annuncio dato ai comuni da parte delle prefetture sull’inizio delle lezioni dal primo febbraio per le scuole secondarie di secondo grado, il presidente Nello Musumeci ci ripensa. Nel pomeriggio il governatore, d’intesa con l’assessore all’Istruzione Roberto Lagalla, ha deciso di ritardare l’avvio delle lezioni ancora di una settimana.

Questo nonostante il downgrade del rischio Covid assegnato da Roma alla regione siciliana, che l’ha riportata in arancione.

Per le superiori in Sicilia la campanella quindi suonerà lunedì 8 febbraio. Come ha dichiarato Lagalla al quotidiano livesicilia.it, il governo regionale oggi pomeriggio ha comunicato di volere dare una settimana in più ai presidi per approntare quanto necessario  per il rientro in classe in sicurezza dei liceali. 

Quindi da lunedì 1 febbraio rientrano le classi seconde e terze delle secondarie di primo grado, dall’8 febbraio le secondarie di secondo grado, ma al 50 per cento. Come previsto dall’ultimo Dpcm, saranno i dirigenti scolastici a determinare per ogni istituto come organizzare la presenza al 50 per cento.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.