Monreale, riapre la scuola, da domani (solo) i piccoli ritornano tra i banchi

Arcidiacono ritira l’ordinanza, da domani didattica in presenza per scuola primaria e primo anno della scuola secondaria di primo grado

0

MONREALE – Lezioni in presenza da domani mattina per le classi di scuola primaria e del primo anno della scuola secondaria di primo grado. Lo screening condotto ieri su gran parte della popolazione scolastica (alunni, docenti, amministrativi, personale ATA ed ogni altro collaboratore scolastico), ha dato un risultato forse inaspettato. Certamente positivo. Sono risultati tutti negativi i tamponi effettuati sui 710 soggetti sottopostisi al tampone rapido.

Questa mattina il sindaco Alberto Arcidiacono, anche in seguito a riunione con Prefettura e ASP, ha deciso di annullare la sua ordinanza che aveva sospeso la didattica in presenza fino al 23 gennaio per le classi di scuola primaria e del primo anno della scuola secondaria di primo grado.

“La chiusura – ha spiegato il sindaco – era stata decisa perché non avevamo dati sui contagi relativi alla popolazione scolastica. Abbiamo così predisposto l’ordinanza. E proprio per questa valida motivazione non è stata bocciata da nessun TAR, a differenza di quanto successo in molte parti d’Italia.

L’ASP ha così organizzato subito il drive-in che ci ha permesso di conoscere la situazione a Monreale. Ma la mia ordinanza ci ha anche consentito di spostare la riapertura delle scuole di 15 giorni dalle festività, abbassando ulteriormente il rischio potenziale del contagio.

Oggi, alla luce dei dati verificati, possiamo riaprire le aule della scuola primaria e del primo anno della scuola secondaria di primo grado”.

Già da domani mattina i piccoli studenti torneranno tra i banchi. Rimane invece la didattica a distanza per gli alunni del secondo e terzo anno della scuola secondaria di primo grado e per tutte le classi della secondaria di secondo grado. Per loro vale la norma stabilita dall’ordinanza del Presidente della regione Nello Musumeci che prevede la didattica a distanza.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.