Monreale, Drive in scolastico, 710 tamponi, tutti negativi

Arcidiacono: "Domani decideremo se riaprire alla didattica in presenza per elementare e prima media"

0

MONREALE – Si è tenuta oggi a Monreale una lunghissima maratona che ha visto il personale dell’ASP di Palermo impegnato nell’effettuare ben 710 tamponi, coadiuvato da personale comunale e volontari di protezione civile. Lo screening è stato fatto sulla popolazione scolastica (alunni, docenti, amministrativi, personale ATA ed ogni altro collaboratore scolastico).

Lunghissime code, attese anche superiori a 3 ore, ma alla fine lo screening è stato concluso. Un test considerato importante per il sindaco Arcidiacono, che l’ha fortemente voluto. Data la massiccia partecipazione il risultato costituirà per l’amministrazione un elemento decisivo per valutare l’apertura delle scuole.

“La scuola va fatta in presenza”, dichiarava pochi giorni fa il sindaco Alberto Arcidiacono, uno dei pochi primi cittadini dell’isola ad avere stabilito la chiusura di tutte le scuole di ogni ordine e grado fino al 23 gennaio. Una posizione molto più cauta e restrittiva rispetto a quella assunta dal presidente della regione, Nello Musumeci, che aveva invece tenuto aperte alla didattica in presenza le classi della scuola elementare e della prima media. “Prima di rientrare – aveva dichiarato il sindaco – visto che è stato avviato questo screening vogliamo guardare ai risultati. Siamo desiderosi di fotografare una situazione la più serena possibile per poi fare una valutazione. Vogliamo riaprire con dati oggettivi, per questo abbiamo organizzato un drive in locale”.

710 tamponi e nessun positivo è un ottimo risultato, ma se questo consentirà l’apertura delle scuole non è stato ancora deciso. “Stiamo valutando, domani decideremo”, ha dichiarato il sindaco.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.