Basile D’Aleo, molta DAD e ancora poca didattica in presenza, ma da lunedì la campanella suonerà per tutti

Tre ore al giorno, ingressi scaglionati, per le II, III e IV solo didattica a distanza. Tre unità di personale per il servizio all'igiene per gli alunni H

0

MONREALEUna didattica rielaborata e rivista in tempo di Covid. Anche l’Istituto Basile D’Aleo è pronto ad affrontare il nuovo anno scolastico in conformità alle linee guida ministeriali contro la diffusione del coronavirus. E così, se è vero che la campanella suonerà per tutti gli alunni il 14 settembre, saranno però diverse le modalità con cui verranno svolte le lezioni.

Da lunedì prossimo gli alunni delle classi prime dei licei classico, scientifico e artistico e le classi quinte dei licei classico e artistico saranno chiamate a presentarsi in aula. Solamente per loro è garantita infatti la didattica in presenza già dal primo giorno di scuola.

Per gli allievi che frequentano le tre classi quinte del liceo scientifico, molto numerose, è invece prevista una turnazione tra didattica in presenza e didattica a distanza. In ciascuna classe una metà degli alunni seguirà le lezioni in aula, mentre un’altra metà si collegherà, in modalità sincrona, a distanza. Dopo la prima settimana i gruppi si alterneranno, chi è stato impegnato con la DAD seguirà le lezioni in aula, mentre chi il 14 settembre aveva avuto la possibilità di seguire le lezioni in presenza dovrà collegarsi dal pc o dallo smartphone di casa.

Il consiglio dei docenti ha stabilito di offrire una corsia preferenziale agli alunni portatori di handicap, che potranno sin da subito seguire le lezioni in presenza.

Le lezioni avranno la durata di tre ore, e, per evitare assembramenti dinanzi agli istituti, già dal 14 mattina le prime entreranno alle 08,10, le quinte alle 08,20.

Per le classi seconde, terze e quarte il consiglio d’istituto ha deciso di procedere solamente con la DAD.

La situazione potrebbe normalizzarsi ad ottobre. Il condizionale è però d’obbligo. Uno dei presupposti per ampliare la platea di allievi da richiamare in aula sta nell’arrivo dei banchi monoposto.

Un’altra forte criticità che la scuola è chiamata ad affrontare è quella relativa al servizio igienico sanitario fornito agli alunni disabili. In questa prima fase di grande incertezza sulle competenze relative alla fornitura di un servizio essenziale per circa 80 famiglie monrealesi, l’istituto Basile D’Aleo si sta affidando al personale scolastico opportunamente formato. Ma con forti limitazioni, dato che saranno solamente tre le unità a disposizione, una per ogni istituto.

Dal 14 partirà invece il servizio all’autonomia, ma solamente per gli alunni che seguono le lezioni in presenza. Non potrà essere attivato per chi segue le lezioni a distanza.

L’obbligo di verificare la temperatura è, com’é noto, competenza delle famiglie. In ogni istituto è stata predisposta comunque un’aula di emergenza per isolare gli alunni che, durante l’orario scolastico, dovessero presentare particolari sintomi influenzali.

È invece stato chiesto alle famiglie di segnalare se vi sono casi di “fragilità” tra i propri figli che frequentano le lezioni. Come casi di asma, di problemi respiratori o di cardiopatie. Per questi alunni verrà predisposta la sola modalità della didattica a distanza.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.