Segnala a Zazoom - Blog Directory

Monreale, Silvana Lo Iacono lancia una raccolta fondi per cani abbandonati e bisognosi di cure

Sono sicura che sono stati loro a salvarmi quando, 15 anni fa, i medici mi davano pochi mesi di vita per una brutta malattia”

MONREALE – Attraverso la sua associazione animalista Silvana Lo Iacono ha avviato una raccolta fondi per aiutare gli animali che hanno necessità di cure mediche.

L’iniziativa è nata dopo che un cane ferito è rimasto a vagare nella città di Monreale prima che il comune se ne occupasse.

“Oggi le spese veterinarie sono elevate, non sempre le istituzioni riescono ad intervenire. E così sto cercando di fornire il mio piccolo contributo. Le somme raccolte verranno devolute al Comando della Polizia Municipale che ha competenza sulla gestione dei randagi”.

Ma quando si parla di raccolta fondi c’è anche chi storce il naso. Troppo spesso si assiste a forme di speculazione, soprattutto di chi mette in mezzo gli animali, facendo leva sulla sensibilità delle persone. 

Anche Silvana in passato era stata presa di mira dai sospetti, non sempre in buona fede, di chi l’accusava di intascare quanto veniva raccolto per i cani. Ma lei guarda avanti. “Sul mio profilo Facebook dimostro sempre come vengono utilizzati i soldi o il cibo che mi viene donato”.

“È tutta questione di fiducia – spiega Silvana -. Tante persone hanno fiducia nel lavoro che faccio con gli animali. C’è chi lascia un’offerta e chi lascia degli oggetti da rivendere per la causa”.

Ma spesso le critiche le giungono da altri animalisti. “Spesso si tratta di finti animalisti, ai quali vorrei lanciare un messaggio: “Io ho un lavoro, non mi occupo dei cani per vivere, per me gli animali sono amore, sono un dono di Dio e del Creato”.

Sono passati 4 anni da quando ha ricevuto un ammonimento da parte del questore di Palermo. “Quella volta mi ero occupata di un cane abbandonato gravemente ferito. Aveva un cavo di metallo attorcigliato ad una zampa. Purtroppo non riuscì a sopravvivere, e fui accusata di essere la causa della sua morte”.

Silvana gestisce un chiosco di cibo e bevande per i turisti al parcheggio Torres, ed è dai turisti che riceve gran parte delle offerte. “Questo perché le guide turistiche mi presentano come una persona amante e che si prodiga per gli animali. E i turisti sono molto generosi”.

“Aiutare gli animali è la mia ragione di vita. E sono sicura che sono stati loro a salvarmi quando, 15 anni fa, i medici mi davano pochi mesi di vita per una brutta malattia”.

 

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.