Segnala a Zazoom - Blog Directory

Bonificato marciapiede della via SL ad Aquino, rimossi più di 100 sacchi di immondizia: ripristinato un rifugio per gatti randagi

In campo le associazioni Pelo sul Cuore, I Ragazzi del Parcheggio e Basta Crederci per dire no all'inciviltà e all'abbandono. Sostituita una casetta per gatti. Faraci di Basta Crederci: "Vanno tutelati"

Questa mattina il gruppo di associazioni Pelo sul Cuore, I Ragazzi del Parcheggio e Basta Crederci hanno bonificato la via SL ad Aquino. I volontari si sono messi al lavoro rimuovendo dal tratto di marciapiede più di 100 sacchi di spazzatura abbandonati da alcuni incivili e rimosso una casetta per gatti deteriorata e molto pericolosa. Nel territorio monrealese sono tantissimi i gatti e i cani randagi che passeggiano o riposano in strada e la cosa più importante per loro è avere da mangiare e un rifugio. Questi gatti avevano un rifugio ma totalmente abbandonato e deteriorato. La casetta del tratto di via SL presentava al suo interno dei pezzi di plastica appuntiti, cassette in legno deteriorate, un luogo diventato invivibile per gli amici a quattro zampe, ma che per fortuna i volontari l’hanno sostituito con una casetta più idonea e accogliente.

A prendere parte all’iniziativa sono stati: Silvana Lo Iacono, presidente dell’associazione Pelo sul Cuore; Carmelo Norcia, gestore del gruppo Facebook Monreale Commercio; Toni Lo Verde dei Ragazzi del Parcheggio; Ivan Mazzola di San Martino e Piero Faraci di Basta Crederci.

I sacchetti di rifiuti purtroppo non erano gli unici ad essere presenti nel tratto di marciapiede della via SL, sono stati rimossi anche copertoni di automobili, rifiuti ingombranti, borse, bottiglie di vetro, il tutto a causa della mancanza del senso civico e del buon costume che purtroppo spesso e volentieri vengono a mancare. Questi due aspetti poi si aggiungono a dei gesti vigliacchi e criminali come l’avvelenamento dei gatti e dei cani randagi. L’ultimo episodio qualche settimana fa quando in via Antonio Veneziano, via Baronio Manfredi e via Umberto I, furono ritrovati una serie di carcasse di gatti uccisi da delle polpette avvelenate.

Il gruppo di associazioni monrelalesi punta ad una sorta di controllo del territorio mantenendo il buon decoro e la buona vivibilità. Inoltre, si occuperanno di collaborare con le associazioni animaliste locali per evitare non solo che gli animali finiscano per essere uccisi, ma per dare loro dei rifugi idonei. “Abbiamo reso più decoroso quell’angolo di via SL” – dichiara Piero Faraci di Basta Crederci. Inoltre, questa iniziativa è stata anche appoggiata dall’amministrazione comunale. “Vogliamo fare bene comune – afferma Piero Faraci – perché dobbiamo sostenere gli amici a quattro zampe della nostra città, ne muoiono troppi e non possiamo più tollerare questo scempio, dove è finita la nostra umanità?”.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.