Segnala a Zazoom - Blog Directory

Capaci, rifiuti in spiaggia: quando viene meno il buon decoro

A Capaci la spiaggia è invasa da vetri, plastica, resti di falò e sacchi dell'immondizia. L'abbandono che indigna tutti

In questi giorni si parla tanto di buon decoro, anche relativo all’abito vestimentario, ma nessuno pensa a sanzionare gli sporcaccioni. Siamo a Capaci, una spiaggia vicino Palermo, e la situazione è raccapricciante: bottiglie di vetro rotte, schegge di vetro appuntite sparse per tutta la spiaggia, fazzoletti, pacchetti di sigarette con le relative cicche già fumate, bottiglie di plastica, resti di falò e per finire cumuli di rifiuti sparsi un po’ ovunque. È questa la situazione in una delle spiagge più belle dell’Isola che ha di fronte proprio l’isolotto di Isola delle Femmine con uno dei panorami più suggestivi ma che viene compromesso da questo orribile spettacolo.

Le associazioni ambientaliste puliscono, fanno il proprio dovere, impartiscono la buona educazione ai cittadini ma sembra non entrargli nella testa. Questa situazione era già stata denunciata da noi di Filodiretto qualche anno fa e continua a ripresentarsi. I cittadini che hanno voglia di prendere il sole sono costretti a spostarsi da questo punto perché troppo sporco, addirittura dai sacchi di immondizia esce un’odore piuttosto sgradevole. Per non parlare di quel parcheggio abbandonato a pochi metri dalla spiaggia dove c’è di tutto, anche ombrelloni abbandonati, sedie rotte, anche se alcuni di questi sono stati rimossi dalla ditta ecologica del posto.

Ma siamo sempre lì. Chi controlla? Il buon decoro è anche questo, spiagge pulite, sicure e libere. Andando in spiaggia poi si nota un’altra differenza lampante. Dove sono posizionati i lidi, gestiti da privati, i pezzi di spiaggia vengono puliti regolarmente, la grande porzione di spiaggia, fotografata questa mattina, gestita dal Comune di Capaci è in un vero e proprio stato di abbandono. Manca la civiltà? sicuramente, manca il buon senso civico? Per alcuni si, però manca anche il far rispettare le regole a cominciare dalle sanzioni. Forse un giorno troveremo questo luogo splendente, pulito ma soprattutto attraente.

1 Commento
  1. Nadine palazzo scrive

    Parole più giuste non potevi dire siamo nel 2022 è dobbiamo vedere questo degrado nelle nostre spiagge

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.