Segnala a Zazoom - Blog Directory

Monreale: In memoria delle stragi di Capaci e di via D’Amelio del ’92

Per non dimenticare. Questa mattina, in occasione del trentennale delle stragi di Capaci e via D'Amelio, commemorazione organizzata dall'istituto Veneziano-Novelli

MONREALE – Questa mattina, in occasione del trentennale delle stragi di Capaci e di via D’Amelio in cui persero la vita i giudici Falcone e Borsellino e gli uomini della scorta, un corteo silenzioso, formato dalle classi quarte e quinte della primaria e tutte le classi della secondaria di primo grado dell’istituto Veneziano-Novelli, ha attraversato il centro storico di Monreale, raggiungendo Piazza Guglielmo I dove si è tenuto un momento di condivisione e di riflessione.
La cerimonia si è svolta sulle note dell’Inno di Mameli, cantato dagli alunni. Successivamente, durante l’evento, gli alunni ci hanno deliziato con dei canti e poesie scritte da loro.

A fare gli onori di casa il preside Marco Monastra: “È necessario tramandare, ricordare e fissare alle nuove generazioni qualcosa che non hanno vissuto, affinché i bambini possano costruire le immagini e dare un senso alle cose. I ragazzi sono il terreno fertile e la scuola serve a presidiare questo terreno. La cultura ti rende libero, consapevole, cosciente di ciò che affronti. Inoltre, è importante riflettere su ciò che è accaduto, mantenendo un impegno morale e civico forte ed attivo”.

“Oggi, è importante ricordare, non soltanto quella strage che segnò il destino di tanti siciliani, – ha dichiarato il sindaco Alberto Arcidiacono, presente all’evento – ma è fondamentale ricordare le gesta di uomini che hanno sacrificato la loro vita affinché noi potessimo essere liberi. Grazie a loro, questa terra rivendica giustizia”.

“Attraverso i ragazzi si dà voce a ciò che è accaduto trent’anni fa – è il commento dell’assessore Rosanna Giannetto -. È essenziale educare i ragazzi al rispetto, alla tolleranza, e soprattutto ad evitare le prevaricazioni. La scuola è il punto di partenza per crescere culturalmente, psicologicamente e socialmente, acquisire responsabilità ed autonomia e, infine, formare alla cittadinanza ed alla vita democratica”.

Non amo le commemorazioni – prosegue l’assessore Letizia Sardisco – perché spesso mi sembrano più apparenza che realtà. Ma, grazie alle commemorazioni, come quella di oggi, si riesce a parlare di lotta contro la mafia. I ragazzi, pur non avendo vissuto quei momenti, continuano a conoscerli ed a tramandarli di generazione in generazione. Questo é fondamentale affinché si possa parlare liberamente del problema e si possa mettere in atto una lotta contro il fenomeno”.

Commenti positivi anche dalla professoressa Romina Lo Piccolo: “Il lavoro svolto coi ragazzi è importantissimo. La scuola rappresenta il luogo dove si costruisce la coscienza antimafia, è il presidio della legalità”.

La mafia non è affatto invincibile; è un fatto umano e come tutti i fatti umani ha un inizio e avrà anche una fine. Piuttosto, bisogna rendersi conto che è un fenomeno terribilmente serio e molto grave; e che si può vincere non pretendendo l’eroismo da inermi cittadini, ma impegnando in questa battaglia tutte le forze migliori delle istituzioni”, celebre frase del giudice Giovanni Falcone.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.