Segnala a Zazoom - Blog Directory

Fuga da Monreale per San Giuseppe Jato, aumentano le speranze per circa 180 persone

Al referendum per lo scorporo territoriale voteranno solamente i cittadini delle aree interessate

Riprende l’iter che potrebbe portare al passaggio al comune di San Giuseppe Jato delle contrade Ginestra, Dammusi, Signora e Bommarito appartenenti al territorio monrealese.

Il TAR della Sicilia ha accolto il ricorso del comitato promotore del referendum (comitato riordino confini territoriali San Giuseppe Jato-Monreale) che potrebbe portare allo scorporo delle contrade monrealesi e del loro transito al comune di San Giuseppe Jato. A votare saranno solamente i cittadini delle contrade, cioè quelli realmente coinvolti dall’annessione. Il TAR dà ragione al comitato che aveva presentato ricorso contro il decreto dell’assessorato regionale delle Autonomie Locali e della Funzione Pubblica che estendeva il diritto al voto a tutti i cittadini delle due municipalità interessate.

Adesso l’assessorato dovrà emettere una nuova ordinanza in conformità alla decisione del TAR, decisione che aumenta sensibilmente le possibilità per i promotori di vedere vincere questa battaglia. 

Il progetto del comitato risale al giugno 2017 e prevede l’annessione al comune jatino di 2.154,88 ettari di territorio.

Poco meno del 5% del territorio monrealese, abitato da meno di 200 persone. Cittadini che, almeno in gran parte, hanno chiesto di diventare residenti del comune jatino, lamentando una carente qualità nei servizi forniti da parte del comune normanno. Molti di loro ritengono anche di avere un’identità culturale distante da quella monrealese, e molto più vicina a quella di San Giuseppe Jato.

Ginestra, Dammusi, Signora e Bommarito a San Giuseppe Jato? Al via il referendum

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.