Covid, dati Gimbe: in Sicilia +36,4% positivi in una settimana

Il 70,1% ha completato il ciclo vaccinale. Registrato peggioramento dei casi attualmente positivi

La Fondazione Gimbe ha reso noti i dati di monitoraggio settimanale dei casi Covid in Sicilia. Nella settimana che va dal 3 al 9 novembre si registra un peggioramento dei casi attualmente positivi per 100 mila abitanti (177) e si evidenzia un aumento dei nuovi casi (36,4%) rispetto alla settimana precedente.

Sotto soglia di saturazione i posti letto in area medica (10%) e in terapia intensiva (5%) occupati da pazienti Covid-19. La popolazione che ha completato il ciclo vaccinale è pari 70,1% (media Italia 76,4%) a cui aggiungere un ulteriore 3,2% (media Italia 2,6%) solo con prima dose.

Il tasso di copertura vaccinale con dose booster è del 23,7% (media Italia 39,5%). Il tasso di copertura vaccinale con dose aggiuntiva è del 85,4% (media Italia 43,1%). A livello provinciale è stato elaborato l’lenco dei nuovi casi per 100 mila abitanti dell’ultima settimana: Messina 123, Catania 94, Siracusa 86, Enna 54, Trapani 54, Caltanissetta 51, Agrigento 37, Palermo 33, Ragusa 18.

“Per la terza settimana consecutiva si conferma a livello nazionale un incremento dei nuovi casi settimanali (+37,7%) come documenta anche la media mobile a 7 giorni, più che raddoppiata in meno di un mese passando da 2.456 il 15 ottobre a 5.870 il 9 novembre”. A riferirlo è Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe presentando il monitoraggio indipendente della Fondazione che rileva, nella settimana 3-9 novembre, rispetto alla precedente, un aumento di nuovi casi (41.091 contro 29.841) e decessi (330 contro 257).

Continuano a salire anche i casi attualmente positivi (100.205 contro 84.447), le persone in isolamento domiciliare (96.348 contro 81.070), i ricoveri con sintomi (3.436 contro 2.992) e le terapie intensive (421 contro 385). Nelle ultime tre settimane l’aumento della circolazione virale è ben documentata dall’incremento sia del rapporto positivi/persone testate (da 3,6% a 9,9%), sia del rapporto positivi/tamponi molecolari (da 2,4% a 4,7%).

In tutte le Regioni si rileva un incremento percentuale dei nuovi casi, con variazioni che vanno dal 12,7% della Regione Toscana al 75,3% della Provincia Autonoma di Bolzano. Ma al momento nessuna regione rischia la zona gialla.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.