Cimitero di Pioppo, oggi battaglia in commissione bilancio

"Promessa" di riduzione del costo dei loculi per i monrealesi, la vera partita si giocherà in consiglio comunale

0

MONREALE – A distanza di un anno si ricomincia a parlare della costruzione del cimitero di Pioppo. Del progetto di più di 4.000 loculi presentato dal consorzio “Agoraa” di Acireale sulla base di un project financing.

Nel gennaio 2020 la delibera di giunta del progetto di fattibilità del nuovo cimitero era approdata in consiglio comunale per la sua approvazione ma, viste le osservazioni presentate dal gruppo consiliare “Il Mosaico” (gruppo di maggioranza), l’atto era stato ritirato. Nel corso di questi mesi, come riportato attentamente su queste colonne, il cimitero di Pioppo è rimasto al centro di frizioni all’interno della maggioranza di governo tra il Mosaico e il resto degli alleati di Arcidiacono. Una squadra che ultimamente si è consolidata con l’ingresso di Giuseppe Di Verde nel gruppo “Alleanza Civica” (capogruppo Rosario Ferreri), e con la successiva assegnazione di un assessorato (nella figura di Paola Naimi) che ha certamente aiutato a blindarne la fiducia al sindaco.

E già forse nella prossima settimana la delibera potrebbe essere tirata fuori dal cassetto per approdare per la seconda volta in aula. Nel corso di questi mesi non sono state apportate modifiche al progetto. Alle mail di alcuni consiglieri è però stata inoltrata una nota inviata dal progettista del consorzio, l’architetto Francesco Russo, che confermava la disponibilità del consorzio ad aderire alla richiesta presentata dall’amministrazione monrealese di ridurre il costo di concessione del loculo per i soli cittadini monrealesi, che sarebbe stato portato a 2.580 € (da 2.900€). “Niente più di una promessa, dato che il progetto è difatti rimasto invariato”, spiegano alcuni consiglieri contrari al nuovo cimitero. Una promessa, una carta che l’amministrazione proverà a giocarsi in aula per convincere i consiglieri più restii a votare l’atto.

Intanto, il percorso che porterà al definitivo vaglio in aula si presenta scosceso. E già oggi il primo ostacolo (ma nulla di insormontabile) giungerà dalla II Commissione, che dovrà evadere l’atto.

In Commissione Bilancio infatti si preannuncia battaglia, e con molta probabilità la delibera verrà bocciata. Si prevedono i voti sfavorevoli del presidente Fabio Costantini (M5S), di Fabrizio Lo Verso (Mosaico),  di Pippo Lo Coco (Alternativa Civica), e quelli favorevoli di Rosario Ferreri e Giuseppe di Verde (Alleanza Civica). Se anche l’altro componente della commissione, l’assessore Sandro Russo, dovesse presentarsi al voto, in caso di pareggio l’atto risulterebbe bocciato. Ma con molta probabilità il risultato del voto sarà 3 a 1. “Abbiamo chiesto la partecipazione del segretario comunale per capire la validità giuridica della promessa di riduzione del costo del loculo per i monrealesi. Ma ad ogni modo rimane l’inutilità di questa enorme struttura”, conferma Lo Coco.

Il voto della commissione non è vincolante, e dunque la delibera approderà comunque, forse già la prossima settimana, in aula, per essere sottoposta al vaglio dei consiglieri. Si gioca qui la vera battaglia, che Arcidiacono vuole vincere ad ogni costo.

E dai corridoi di palazzo gira voce che il sindaco abbia provato a fare opera di persuasione anche tra alcuni membri dell’opposizione.

Intanto, se l’attenzione in aula dovesse essere spostata sul costo del loculo, va sottolineato come sono diversi gli elementi da valutare per giungere a quello che l’utenza dovrà sostenere in via definitiva, così come bisogna tenere in debita considerazione che la qualità del servizio fornito sarà diversa, e che il prezzo finale dovrà tenere conto del probabile ribasso in fase d’asta.

  • Il costo di concessione dei loculi comunali presso l’attuale cimitero ammonta a € 2.200, € 2.900 sarebbe quello previsto dalla ditta (2.580 € quello promesso per l’utenza monrealese);
  • Alla luce degli ultimi aumenti delle tariffe cimiteriali, oggi la tumulazione comunale costa 96,15€, contro i 150 € previsti nel nuovo progetto;
  • Il costo di estumulazione comunale è di 142,74 €, salirà a 300 € quello previsto dalla ditta;
  • Oggi il Comune non prevede costi di illuminazione. Il proprietario, se lo desidera, provvede all’illuminazione a sue spese, mentre la nuova ditta prevede un costo obbligatorio di 30 € annui;
  • Non c’è oggi un costo di pulizia, mentre con il nuovo progetto si dovranno sostenere 30 € annui;
  • Sia oggi che in futuro con il progetto di finanza vanno pagati € 60 di diritti di segreteria per tumulazione ed estumulazione.

Cimitero di Pioppo, una strada sempre più in salita

Cimitero di Pioppo, per “Alternativa Civica” un’opera non utile alla città

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.