“Pronto a chiudere le scuole. Non possiamo provocare una strage”

Il sindaco di Palermo chiede al Governo nazionale misure restrittive

0

PALERMO – “Siamo nuovamente nella situazione di qualche mese fa, quando sono stato costretto a sospendere un provvedimento già pronto ancorché di dubbia legittimità per le scuole di competenza comunale”. A dichiararlo il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando.

“La scuola è importante – aggiunge – ma non possiamo per questioni di principio provocare una strage. Lo stesso vale per le attività economiche per le quali torniamo a chiedere interventi adeguati. Non è inoltre accettabile continuare a bloccare la capacità dei Comuni di rendere servizi essenziali per vincoli e limiti di spesa che altri paesi europei hanno sospeso e che in Italia continuano a essere vigenti. Non sono tollerabili impuntature di burocrazie di Palazzo che sembrano vivere fuori dalla attuale realtà. Se è emergenza – conclude – si adottino provvedimenti di emergenza che tutti gli altri paesi europei hanno già adottato. Non vi è più tempo da perdere”.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.