Coronavirus, Conte chiede aiuto ai Ferragnez per esortare all’uso della mascherina, ed è subito polemica

La comunicazione sociale assume nuove, moderne forme

0

Ha fatto molto discutere la notizia, uscita un paio di giorni fa, della richiesta del Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte a Fedez e Chiara Ferragni in merito alla sensibilizzazione all’uso della mascherina. Il Presidente ha infatti chiesto ai “Ferragnez” di avviare una campagna di sensibilizzazione sui loro canali social su un argomento così delicato che potrebbe però fare la differenza in tempi di pandemia. Fedez e Chiara Ferragni, cantante rapper lui e nota influencer lei, contando rispettivamente 11,1 e 21,6 milioni di follower, hanno di fatto un ruolo fondamentale riuscendo con le loro parole o con delle semplici immagini ad influenzare una larga fetta di popolazione, soprattutto i più giovani.

Il Governo sta tentando anche questa carta per contenere i contagi contemplando sul piano della comunicazione sociale anche strumenti che prima non sarebbero mai stati presi in considerazione. Come è noto la vicenda ha scatenato inutili polemiche e parole (come spesso avviene in casi simili) dure e inappropriate di haters della coppia e leoni da tastiera. Ma quando si raggiunge un numero altissimo di persone attraverso una campagna che, sebbene insolita, può rivelarsi estremamente efficace non c’è da fare tanto gli schizzinosi. La sensibilizzazione alluso della mascherina, soprattutto fra i più giovani, insieme al distanziamento sociale, potrebbe fare la differenza e contenere il propagarsi del virus.

“Abbiamo ricevuto una telefonata molto inaspettata, siamo stati messi in contatto con il presidente del Consiglio che ha chiesto un aiuto da parte mia e di mia moglie nell’esortare la popolazione, soprattutto quella più giovane, nell’utilizzo delle mascherine”. Sono queste le parole di Fedez in un video su Instagram. “Ragazzi, ci troviamo in una situazione molto molto delicata continua il rapper – l’Italia non si può permettere in maniera assoluta un nuovo lock down. Il futuro è nelle mani della responsabilità individuale di tutti noi e con un semplice gesto potremmo evitare lo scenario più brutto dei mesi scorsi: mi raccomando, ragazzi – conclude l’artista nelle stories – utilizzate la mascherina”. Anche la moglie, Chiara Ferragni, ha accolto l’appello del Presidente esortando i suoi follower ad usare la mascherina.

Polemiche sulla richiesta di Conte ai Ferragnez, il parere dell'esperto

Polemiche sulla richiesta di Conte ai Ferragnez, il parere dell'esperto

Publiée par FiloDiretto Monreale sur Jeudi 22 octobre 2020

E chiaro il motivo della scelta di Conte che ha scelto la nota coppia di influencer non a caso. I Ferragnez infatti si sono impegnati fin dall’inizio della pandemia con una campagna di raccolta fondi che ha permesso di aprire un reparto di terapia intensiva al San Raffaele di Milano.

Sull’argomento abbiamo intervistato il professore Francesco Pira, sociologo, docente di comunicazione e giornalismo all’Università degli Studi di Messina ed esperto di social media, diventato ormai un amico della redazione di Filodiretto e un appuntamento ricorrente nell’affrontare temi riguardanti il web e le piattaforme social. L’intervista integrale nel video, un estratto qui di seguito:

“ Gli influencer si chiamano così perché riescono su Instagram  a convincere con le loro parole, con la loro credibilità e con la capacità comunicativa che hanno ad assumere determinati comportamenti. Questo  atteggiamento  può essere proficuamente utilizzato anche in una campagna di comunicazione sociale importantissima come quella sulla sensibilizzazione all’uso della mascherina in un momento così delicato di pandemia. Non trovo molto adeguate le polemiche […] e a mio parere il Presidente del Consiglio ha fatto molto bene a fare questa scelta che permette ai giovani di comprendere con il loro linguaggio, nei loro codici comunicativi e con lo slang giusto, un messaggio  importantissimo: mettete la mascherina.”

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.