Lo Coco: “A Pioppo un solo sportello per 6.000 abitanti, Poste Italiane potenzi il servizio”

"Decine di persone in attesa fuori dall'ufficio, al freddo, con il rischio di assembramenti"

0

MONREALE – “È necessario aprire un tavolo tecnico tra il Comune e Poste Italiane per trovare una soluzione ad una problematica non più differibile”. Pippo Lo Coco, consigliere comunale di Alternativa Civica, lamenta l’inadeguatezza del servizio dello sportello di Poste Italiane nella frazione di Pioppo.

Pippo Lo Coco
Pippo Lo Coco

“Soltanto un impiegato allo sportello in una frazione di 6.000 abitanti. È un servizio depotenziato, insufficiente per la cittadinanza. Considerando che ogni utente impiega dai 10 ai quindici minuti per una operazione, va da sé che un solo sportello è inadeguato. Il risultato è che lungo la provinciale si formano code lunghissime di persone in attesa. Ne ho contato pure 50”.

Lo Coco ha inviato una nota al sindaco Alberto Arcidiacono nella quale lo invita a chiedere un incontro con la dirigenza della Sicilia Orientale di Poste Italiane, per chiedere un potenziamento del personale. “Almeno adibiscano un’altra unità allo sportello. Nell’ufficio può accedere una persona per volta. Sia per l’arrivo dell’inverno che per la necessità di aumentare il distanziamento sociale, a causa della recrudescenza dell’epidemia, è necessario che il servizio diventi più celere, così da evitare anche la formazione di assembramenti di persone al freddo”.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.