Immuni ancora pochi download, 667 i positivi registrati

Una notifica ti avverte se incroci una persona positiva

0

Scaricare Immuni è importantissimo, ma la Sicilia resta ultima nel download dell’applicazione. Solo il 7,8% dei siciliani l’ha scaricata. Nel panorama Italiano, secondo l’ultimo aggiornamento del 12 ottobre fornito dalla pagina ufficiale,  i dati forniti parlano di un numero dei download in crescita  rispetto a inizio settembre.

Sono stati registrati gli 8 milioni 600 download dell’app. Anche se va chiarito che il numero di download non corrisponde necessariamente al numero di persone che l’hanno scaricata. Potrebbe essere che un cittadino scarichi l’app, la rimuova e poi la scarichi nuovamente. Oppure che sia stata scaricata su più dispositivi in uso alla stessa persona. Le notifiche inviate agli utenti sono 10.060, mentre le persone positive che hanno inserito i loro dati sono 667.

Immuni, l’applicazione di  contact tracing, ha cominciato a essere molto più diffusa tra gli italiani rispetto a qualche mese fa. È uno strumento importante nella lotta contro COVID19 per rintracciare i contatti di chi risulta positivo al virus. Nelle ultime settimane abbiamo visto anche diversi appelli fatti da sindaci e persone pubbliche a scaricare l’app.

Ma come funziona Immuni? Associa a ogni telefono un codice causale e cambia ogni volta per tutelare la privacy. I telefoni che si incontrano si scambiano i rispettivi codici casuali, quando si entra in contatto con un altro utente di Immuni. L’app riesce a tenere traccia del contatto avvenuto ma non conosce l’identità né sapere dove è avvenuto l’incontro.  Chi risulta positivo al virus sceglie se condividere i propri codici casuali per renderli disponibili agli altri utenti. La procedura avviene con l’assistenza dell’operatore sanitario che comunica l’esito del tampone. In caso di contatto con un utente positivo Immuni avverte e ti dice cosa fare. Per aiutare il servizio sanitario nazionale invia al server del Ministero della Salute la provincia di domicilio. È infatti l’unico dato richiesto in fase di download. Funziona con il bluetooth low Energy, a causa di una limitazione del sistema operativo il servizio di geolocalizzazione deve essere attivo per consentire lo scambio di codici casuali via bluetooth ma l’applicazione non accede alla localizzazione. I dati salvati saranno eliminati entro il 21 dicembre 2020. Immuni comunicherà csempre e solamente attraverso l’app e le relative notifiche mai un sms una telefonata o email.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.