Segnala a Zazoom - Blog Directory

“Ogni dittatore ha bisogno di creare una corte di degenerati mentali come lui”. Il dott. Salvatore Demma racconta l’Olocausto

Monreale, 29 gennaio 2019 – “Ogni dittatore ha bisogno di creare una corte di degenerati mentali come lui”. Inizia così la commemorazione per il genocidio degli Ebrei, nel racconto dell’Olocausto del dottore Salvatore Demma tenuto ieri pomeriggio al Circolo di Cultura Italia.

Tra il 1933 il 1935 ebbe inizio in Germania una “purificazione della specie” che puntava ad eliminare gli inabili al lavoro, i bambini nati con gravi malattie, minoranze etniche, omosessuali, tutti coloro che venivano visti di cattiva luce dallo Stato. Non può esistere la frase “abbiamo solo eseguito gli ordini” perché umanamente un uomo non si può prestare a questi atteggiamenti. Quale uomo sarebbe in grado di uccidere un altro uomo solo perché ha un ideale politico differente o una diversa etnia?

Furono uccisi più di 6 milioni di Ebrei per mettere in atto quell’idea malsana che Hitler chiamò “purificazione della razza”.

Tutti coloro che venivano portati nei campi di concentramento prima venivano spogliati dei loro averi, gli veniva tolta la dignità di uomini, le loro identità non avevano più dei nomi ma dei numeri marchiati sulla pelle.

Non appena entrati dentro i campi di concentramento non avevano più via d’uscita. Anziani e bambini venivano eliminati subito, gli uomini, invece, erano messi ai lavori forzati. Un destino ancora peggiore attendeva le donne, che venivano usate come cavie umane per gli studi scientifici.

Abbiamo il dovere di ricordare questi anni terribili della nostra storia affinché non si verifichi una nuova Shoah.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.