Segnala a Zazoom - Blog Directory

Presentato ieri il libro “I Presidente della Repubblica – il capo dello Stato e il Quirinale nella storia della democrazia italiana”

Palermo, 25 gennaio 2019 – Nella giornata di ieri presso l’archivio storico di Palermo si è svolta la presentazione del libro “I Presidenti della Repubblica – il capo dello Stato e il Quirinale nella storia della democrazia italiana” a cura di Sabino Cassese, Giuseppe Galasso e Alberto Melloni.

Si tratta di un libro che a settantuno anni dall’entrata in vigore della nostra costituzione mette a fuoco gli aspetti principali dei tredici Presidenti che si avvicendarono alla guida del nostro Paese. Ogni Presidente ha portato una nuova linea alla nostra società arricchendo i valori di democrazia che servono a unificarci.

“Questi due volumi hanno come scopo l’intersezione tra la vita politica e privata di ogni Presidente – dice Alessandro Pajno -, inoltre le vicende dei vari Presidenti sono viste in maniera unitaria così da comprendere cosa venne prima di loro e le decisioni che presero”.

Secondo Maurizio Degl’Innocenti “il libro va orientato sul rapporto positivo e collaborativo della storia repubblicana”, e considerando che la nostra Repubblica è in continuo movimento la figura del Presidente è quella che riesce a stare al passo con l’evoluzione del paese.

“I Presidenti hanno insegnato a scommettere in un’Itala migliore – afferma Padre Francesco Occhetta – rappresentano la voce della coscienza morale del Paese fungono da e ponti e intermediari, sono i Presidenti a fare la presidenza e non viceversa”.

Spesso la nostra cultura soffre un forte distacco storico tra l’evento e lo storicismo. Infatti, prima di parlare di un grande personaggio politico, si lasciano passare decenni, invece il libro ha proprio lo scopo di far conoscere la vita dei grandi Presidenti d’Italia arrivando ai giorni d’oggi, con la presidenza di Mattarella, così da far vivere lo storicismo nel presente.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.