Ispezione antimafia della prefettura a San Cipirello. Il sindaco Geluso: “Non ho preso soldi, né conferito incarichi o fatto gare d’appalto”

1

San Cipirello, 21 novembre 2018 – “Sono rimasto molto sorpreso dalla notizia dell’ispezione condotta presso gli uffici del comune”. Raggiungiamo Vincenzo Geluso, Sindaco di San Cipirello, a Bruxelles, dove si trova in visita ufficiale assieme al vicesindaco, Claudio Russo. Come un fulmine a ciel sereno, ieri sera gli è arrivata la notizia dell’azione ispettiva condotta dai funzionari della Prefettura di Palermo nel suo comune.

Le forze dell’ordine si sono recate in municipio convocando il segretario comunale, gli assessori e i dirigenti, per analizzare documenti e verificare se vi possano essere elementi che possano comprovare la presenza di condizionamenti o di infiltrazioni mafiose al comune.

Geluso è sindaco di San Cipirello dal giugno 2017. “Non comprendo quali documenti la prefettura stia cercando. Amministro questo comune da poco più di un anno, senza bilancio, che è stato approvato da 15 giorni. Non ho preso soldi, non ho conferito incarichi, non ho fatto gare d’appalto, né affidamenti diretti, né tantomeno ho assegnato incarichi con somma urgenza”.

“Non conosco l’intento della Prefettura. Da quello che mi è stato riferito dall’assessore, stanno controllando tutta la documentazione relativa all’attività svolta quest’anno dalla giunta. Domattina attraverso il mio legale vedremo di comprendere meglio”.

“Nutro la massima fiducia nel lavoro che verrà svolto dalla magistratura – tiene a precisare Geluso -. Non posso che rimanere turbato dal fatto che dopo 20 anni di amministrazione della città di San Cipirello giunga questa ispezione come un fulmine a ciel sereno”.

1 Commento
  1. […] negli inquirenti, sono sereno”. Sono le parole del sindaco di San Cipirello dopo che la commissione prefettizia ha chiuso l’attività ispettiva in alcuni uffici del Palazzo di […]

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.