Segnala a Zazoom - Blog Directory

C’è del buono anche a Monreale

Ci sono giovani che eccellono in varie discipline e che invece di essere giustamente e degnamente additati ad esempio, vengono invece dimenticati o non debitamente valorizzati

Ha destato scalpore la notizia di qualche giorno fa che riportava una lite tra due ragazzine più che adolescenti.

Come pure giorni addietro venivano riportati dai quotidiani cittadini episodi di vandalismo addebitabili a ragazzi.

E qui un coro di commenti sul ruolo dei genitori, sul disagio dei nostri ragazzi, sugli spazi che non esistono a Monreale cui i giovani possono impegnarsi.

A leggere certa stampa e soprattutto i commenti sui social dai vari cittadini, sembrerebbe che nella nostra cittadina esisterebbe una gioventù ormai non più recuperabile facendo di tutta un’erba un fascio.

Non sono d’accordo, vero è che questi deprecabili avvenimenti suscitano emozioni negative, ma occorrerebbe invece non lasciarsi prendere dallo sconforto ed evidenziare e valorizzare quanto invece c’è di positivo.

Proprio ieri sera, verso le 23, dopo una cena con amici in un locale di via Ritiro, ho difficoltà a fare ripartire la mia auto e già pensavo di contattare qualche parente per essere trasportato a casa, rinviando al giorno successivo il recupero del mezzo con l’aiuto di un meccanico.

Sopraggiungono tre ragazzi, sui venti anni, che provano a farla ripartire a spinta senza successo. Poi scopriamo che essendo finita la benzina la vettura non poteva ripartire. Premetto che la mia automobile ha la doppia alimentazione: benzina e gpl e per l’avvio la stessa ha bisogno inizialmente che ci sia carburante per poi passare automaticamente alla trazione gpl. 

Essendo la vettura di poche settimane e non avendomelo spiegato alla concessionaria, pensavo nella mia ignoranza meccanica che bastasse fare il pieno di gpl per continuare a camminare.

Evidenziata la difficoltà del momento dai miei soccorritori, che non conoscevo e che approfitto per far loro un grato e pubblico ringraziamento, procurano un bidoncino di plastica e vanno con la loro auto a reperire un po’ di benzina. 

Una volta tornati sul posto ed effettuato il travaso del combustibile, la vettura subito riparte.

Questi giovani non hanno voluto neanche accettare un piccolo omaggio che volevo loro fare, anche per compensarli del disagio che avevo loro causato stante l’ora tarda.

Questo episodio mi ha colpito molto oltre che emozionarmi.

Esistono a Monreale, come nel resto del paese, persone che spontaneamente prestano aiuto ed assistenza ad altri sconosciuti senza pretendere nulla in cambio, ma spontaneamente e con loro sacrifici si dedicano al prossimo.

Vi sono giovani che eccellono in varie discipline e che invece di essere giustamente e degnamente additati ad esempio, vengono invece dimenticati o non debitamente valorizzati.

C’è una gioventù sana anche a Monreale e di questo dobbiamo essere orgogliosi perché non solo rafforzano le nostre convinzioni su una società migliore ma ci lasciano ben sperare per il futuro.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.