Palermo, spaccio alla Vucciria: sette arresti

I carabinieri hanno eseguito un'ordinanza del gip chiudendo un'inchiesta condotta tra febbraio e agosto 2020

Alle prime ore di questa mattina, nel centro della città di Palermo, i carabinieri hanno dato esecuzione a 11 provvedimenti cautelari (2 in carcere, 5 domiciliari e 4 dell’obbligo di dimora e contestuale obbligo di presentazione alla p.g.), emessi dall’ufficio G.I.P. del Tribunale di Palermo su richiesta della locale Procura della Repubblica, per le ipotesi di reato di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti in concorso.

 

L’indagine, condotta dai Carabinieri tra febbraio e agosto del 2020, ha consentito di acquisire un grave quadro indiziario a carico degli undici indagati, tutti con precedenti di polizia, cui vengono contestati numerosi episodi di spaccio al dettaglio di
stupefacenti.

 

Secondo l’ipotesi accusatoria contenuta nel provvedimento eseguito, gli indagati avrebbero posto in essere centinaia di cessioni di stupefacenti (cocaina, hashish e marijuana), principalmente nelle ore serali dei weekend, nel centrale quartiere Vucciria di Palermo, zona interessata dal fenomeno della movida.
La vendita di stupefacenti non si sarebbe fermata nemmeno quando la circolazione delle persone era limitata in ragione delle misure di contenimento per la pandemia da Covid-19.

 

Nel corso dell’attività investigativa erano già state arrestate in flagranza di reato 3 persone. Una di loro, in particolare, era stata sorpresa all’interno di un magazzino del centro di Palermo in possesso di un ingente quantitativo di sostanze stupefacenti di vario tipo (500 grammi di hashish e 400 grammi di marijuana) e materiale vario per il confezionamento. Inoltre, erano state deferite in stato di libertà altre 2 persone e segnalati alla locale Prefettura, quali acquirenti, 25 individui.

 

“Le indagini tra le forze di origine dell’attività di controllo del territorio – afferma il Capitano Aniello Falco – svolta capilarmente dalle stazioni che operano nel centro cittadino.”

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.