Ton Koopman, il più grande organista vivente, protagonista della Settimana di Musica Sacra di Monreale

Giovedì 21 ottobre sarà al Duomo di Monreale

Il più grande organista vivente, Ton Koopman, sarà il protagonista della terza e quarta giornata della Settimana Internazionale di Musica Sacra di Monreale, con due concerti che lo vedranno impegnato insieme alla moglie Tini Mathot, grande clavicembalista.

 

Il virtuoso olandese  interverrà nella doppia veste di direttore e solista nel “Florilegio di fughe”, dichiarato omaggio a Bach su cui è costruito il programma del concerto che si terrà al Duomo giovedì 21 ottobre, alle ore 21, e vedrà alla ribalta anche il rinomato Coro del Friuli Venezia Giulia.

Alcuni capolavori del Kantor di Eisenach saranno riproposti in arrangiamenti per coro e due organi o per due organi. Il programma comprende mottetti e brani tratti da L’arte della fuga. Tre i Motet per coro e organi: “Singet dem Herrn Ein Neues” (Cantate al Signore un nuovo cantico), “Der Geist hilft unser Schwachheitauf” (Lo spirito viene in aiuto alla nostra debolezza),  “Komm, Jesu, komm” (Vieni, Gesù, vieni). Mentre da “Die Kunst der Fuge”  Koopman e la moglie eseguiranno un’antologia di Contrapunctus per due organi.

 

“Itinerari europei” è invece titolo del recital organistico che Koopman e la Mathot terranno venerdì 22 ottobre nell’Abbazia di San Martino delle Scale, per esplorare ancora pagine di Bach, ma anche Frescobaldi, Couperin e Pablo Bruna.

 

Organista, direttore d’orchestra, nonché clavicembalista,  Koopman è da decenni una delle personalità più importanti e versatili di grande interprete e ricercatore nel mondo della musica antica.

 

Nato a Zwolle in Olanda,  accanto agli studi classici si è dedicato a quello dell’organo, del clavicembalo e della musicologia, ricevendo ad Amsterdam il “Prix d’Excellence” sia per entrambi gli strumenti. Fin dall’inizio,  la prassi filologica e gli strumenti originali hanno caratterizzato il suo stile esecutivo portandolo a creare all’età di 25 anni la sua prima orchestra barocca.

 

Nel 1979 ha fondato l’Amsterdam Baroque Orchestra, a cui ha fatto seguito l’Amsterdam Baroque Choir nel 1992. Si  è esibito nelle più importanti sale da concerto e nei più prestigiosi festival dei cinque continenti e svolge un’intensa attività come direttore ospite delle  principali orchestre del mondo, tra le quali spiccano Filarmonica di Berlino, Royal Concertgebouw di Amsterdam, Orchester des Bayerischen Rundfunks, Tonhalle Orchester di Zurigo, Wiener Symphoniker e Cleveland Orchestra, dove è artista reside.

 

L’ampia attività come solista e direttore è testimoniata dall’impressionante numero di dischi per varie case discografiche. Tra il 1994 e il 2004 Ton Koopman è stato impegnato in un progetto unico nel suo genere, l’esecuzione e la registrazione delle Cantate di Bach. Un imponente lavoro di ricerca per il quale ha ricevuto il Deutsche Schallplattenpreis Echo Klassik, il premio Hector Berlioz e il BBC Award oltre alle nomination sia per il Grammy Award (USA) che per il Gramophone Award (UK).

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.