Nuova tv digitale, è il giorno dello switch off: ecco come vedere i canali

Arriva il nuovo digitale terrestre. Come comprare un nuovo Tv con il bonus rottamazione

A partire da oggi, giovedì 20 ottobre, dal nostro televisore sono scomparsi diversi canali Rai e Mediaset. Non si tratta di un errore, bensì di un passaggio che in molti possono risolvere in poco tempo. I canali che risultano invisibili sono Rai 4, Rai 5, Rai Movie, Rai Yoyo, Rai Sport + HD, Rai Storia, Rai Gulp, Rai Premium e Rai Scuola. A saltare sono stati anche i canali Mediaset e tra questi abbiamo Tgcom24, Mediaset Italia 2, Boing Plus, Radio 105, R101 Tv e Virgin Radio Tv.

Al momento, provvisoriamente, i canali Rai 1, Rai 2 e Rai 3 sono disponibili fin quando non avverrà il passaggio definitivo.

Le televisioni di milioni di italiani dovranno fare un salto di qualità per l’arrivo del nuovo formato di trasmissione il DVB-t2. Questo strumento è lo standard di ultima generazione per le trasmissioni sulla piattaforma digitale terrestre del consorzio europeo DVB.

Il passaggio al nuovo standard consentirà un miglioramento della qualità visiva e dell’alta definizione e il rilascio delle frequenze in banda 694-790 MHz, la cosiddetta “banda 700”, per i servizi mobili 5G.

In Italia, per consentire un uso più efficiente dello spettro a fronte della liberazione della banda 700 MHz, che dovrà concludersi entro il 30 giugno 2022, è stata disposta, a partire da gennaio 2023, l’attivazione dello standard trasmissivo DVB-T2 a livello nazionale. Da tale data non sarà più possibile la ricezione delle trasmissioni televisive se non con apparecchi di nuova generazione, oppure, se acquistati prima del dicembre 2018, resi idonei alla ricezione da apposito decoder.

Quindi se il vostro televisore non riceve al canale 1/ Rai1 e al canale 5/ Canale 5 il consiglio è quello di risintonizzare il Tv o il decoder. Se decoder o Tv non sono compatibili la soluzione è quella di acquistare una nuova tv o un decoder utilizzando i bonus messi a disposizione dal ministero dello Sviluppo economico. Tra questi abbiamo il Bonus rottamazione TV che prevede uno sconto del 20% (fino a un massimo di 100 euro) dando indietro il vecchio televisore per poterne così acquistare uno nuovo e poi il Bouns Tv basato sull’Isee 20.000 e questo scala fino a 30 euro da un Tv o da un decoder se il reddito è pari o inferiore a 20mila euro.

Un altro metodo per verificare se i nostri dispositivi sono idonei al cambiamento tecnologico è quello di digitare sul telecomando i canali 100 (per la Rai) e 200 (per Mediaset). Dopo aver digitato se vi uscirà questo segnale: “Test HEVC Main10” il Tv o il decoder che stiamo utilizzando è compatibile con il nuovo digitale terrestre e non sarà necessario sostituirlo.

La schermata visibile dopo aver digitato il canale 100

 

Il passaggio definitivo al nuovo standard tecnologico di trasmissione del digitale terrestre DVB-T2 avverrà dal gennaio 2023. Nel frattempo si procederà anche alla riassegnazione delle frequenze seguendo un calendario che interesserà tutto il territorio nazionale, a partire dalla Regione Sardegna dal prossimo 15 novembre 2021.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.