Monreale, ladro riconosciuto responsabile di 14 furti in appartamenti

Alla Caserma dei Carabinieri 14 famiglie hanno riconosciuto e recuperato oggetti derubati nelle proprie abitazioni

MONREALE – Nel corso dell’anno si era macchiato di una lunga serie di furti, soprattutto a danno di villette della periferia monrealese, ma non solo. Anche nel capoluogo l’uomo, di origini palermitane, aveva portato a segno dei colpi. 

L’ultimo episodio si era verificato lo scorso agosto, quando S. C. era stato beccato dai Carabinieri della stazione di Monreale in flagranza di reato, mentre era intento a ripulire una villetta di via Pezzingoli.

I militari erano giunti sul posto in seguito ad una telefonata giunta al 112, nel corso della quale i vicini avevano riportato la presenza di rumori sospetti all’interno del villino.

Il giovane, pur se di origini palermitane, viveva con la madre a Monreale. In seguito all’ultimo furto i Carabinieri della stazione di Monreale avevano effettuato una perquisizione nella sua abitazione. E con molta sorpresa era emersa la presenza di una serie di oggetti, con molta probabilità provenienti da numerosi furti, dato che l’uomo non ne aveva saputo fornire alcuna spiegazione.

In seguito alle indagini svolte dai Carabinieri, anche grazie all’utilizzo di strumenti di indagine ambientale, era emerso come questi oggetti fossero stati trafugati in occasione di 14 furti in abitazione, già denunciati nel passato, sia a Monreale che a Palermo.

Adesso l’uomo, che ha circa 30 anni ed è stato sottoposto agli arresti domiciliari, dovrà rispondere dinanzi alla giustizia di questa lunga serie di crimini.

Presso la Stazione dei Carabinieri di Monreale, intanto, già dal mese di settembre e fino alla scorsa settimana, le vittime di furti sono state invitate a procedere al riconoscimento di eventuali propri beni. 

Ben 12 famiglie monrealesi più un paio di Palermo hanno avuto la possibilità di riappropriarsi dei propri beni riconoscendoli tra il materiale sequestrato.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.