Lotta la randagismo, Forza Italia presenta il progetto di un nuovo rifugio per animali

Il rifugio in contrada Cerata potrà servire i comuni di Altofonte, Monreale, Piana degli Albanesi, San Cipirello e San Giuseppe Jato

MONREALE – Il randagismo e le possibili soluzioni. È questo l’argomento affrontato ieri sera nel corso dell’incontro tenutosi presso la chiesa sconsacrata San Gaetano di Monreale, organizzato da Forza Italia.

Durante l’evento hanno partecipato attivamente diversi esponenti azzurri, tra i quali il Deputato regionale, Mario Caputo, e i consiglieri comunali Mimmo Vittorino e Silvio Terzo.

Più volte si sono registrati attacchi da parte di animali randagi verso i cittadini monrealesi. Il più eclatante solo qualche settimana fa, quando un bambino è stato morso da un cane mentre giocava spensierato in giro per la piazza (puoi leggere il nostro articolo cliccando qui).

All’incontro ha anche presenziato il dottor Giovanni Giacobbe, componente – così come l’Onorevole Caputo – della commissione speciale d’inchiesta sul fenomeno del randagismo in Sicilia.

Tra il pubblico presenti il consigliere comunale Pippo Lo Coco e l’ex comandante della Polizia Municipale Castrense Ganci, che si sono complimentati con la commissione per l’impegno preso per la salvaguardia dei cuccioli e dei cittadini.

Il progetto, illustrato nel corso dell’incontro, prevede la creazione di un rifugio che potrà ospitare un massimo di 50 cani, gatti o addirittura furetti. Qui gli animali potranno essere sterilizzati e microchippati, per poi essere dati in adozione o addirittura reinseriti nel territorio, senza possibilità di riprodursi, così da evitare nuove generazioni di randagi.

Il progetto è stato curato nei minimi dettagli dallo studio del dottor Alessandro Zingales.

Individuato il luogo dove il rifugio dovrebbe essere costruito. Si trova in Contrada Cerata, nel territorio di Monreale, non vicinissima al centro del comune normanno, ma scelta per diventare punto di riferimento per i comuni di Altofonte, Monreale, Piana degli Albanesi, San Cipirello e San Giuseppe Jato.

Da questi territori della provincia di Palermo sarà possibile raggiungere facilmente il centro per animali.

“Dopo anni riusciamo a vedere la luce del tunnel. Per circa un anno abbiamo messo il nostro impegno per ridurre il fenomeno del randagismo. Sono stati adottati 160 cani grazie ad alcune persone che si spendono nel territorio di Monreale per gli animali. Per me questo progetto potrebbe definitivamente risolvere il fenomeno del randagismo”, ha spiegato il consigliere comunale di Forza Italia Silvio Terzo.

“Il fenomeno del randagismo – è intervenuto il dottor Giovanni Giacobbe – è molto conosciuto nella nostra Sicilia, solo nel 2019 sono stati spesi 21 milioni di euro per cercare di far fronte al randagismo. Risolvere questo problema va oltre il colore politico, è soltanto un segno di civiltà”.

Questo progetto sarà consegnato all’amministrazione comunale di Monreale che dovrà farlo proprio. È la seconda volta in poco più di quattro mesi che l’Onorevole Mario Caputo dona al comune normanno un progetto.

Diverse volte è stato nostro ospite alla rubrica #FDTALK (clicca qui per vedere l’ultima intervista).

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.