Monreale, al liceo scientifico Basile-D’Aleo 5 studenti si diplomano con 100/100

Giorgio, Amy, Michele, Aurora e Giulia si diplomano con il massimo dei voti: “Una grande soddisfazione"

0

Venerdì 18 giugno il Liceo Scientifico “Basile – D’Aleo” di Monreale ha finalmente ricevuto le valutazioni dell’esame di stato. Sono cinque gli studenti dell’istituto che hanno raggiunto il massimo dei voti, il così tanto desiderato 100: Giorgio Fortezza, Amy Lo Biondo, Michele Di Gristina, Aurora Lo Presti e Giulia Pecoraro. Abbiamo avuto la possibilità di sentirne alcuni, domandando a loro i progetti per il futuro. Sono tre ragazzi appartenenti alla 5C: Michele, Aurora e Giulia.

 Innanzitutto come vi è sembrata la struttura dell’esame?

La struttura dell’esame è abbastanza complessa – afferma Michele – come è da sempre stata la maturità. La prima parte consiste in un lavoro preparato in circa due mesi, in contemporanea al percorso didattico. La seconda parte prevedeva l’analisi di un testo di italiano. La terza, sulla carta la più complicata, prevedeva lo spunto. Per quanto riguarda i professori posso dire che sono stati comprensivi durante tutto l’anno, vista la situazione, non solo per la maturità. La mancanza di scritti non rende più semplice quella che è stata la nostra maturità, anzi la valutazione finale va a rispecchiare ancora meglio un percorso che è quello triennale e non solo l’esame in sé”. 

“Questa tipologia di esame – continua Giulia – che abbiamo svolto sulla totalità dei programmi studiati ci ha permesso di affrontare la prova finale in sicurezza, ma sicuramente non è stato un esame di livello inferiore a quello degli anni ante pandemia”. 

Come vi siete sentiti quando avete scoperto di aver preso il massimo dei voti?

“Sicuramente una delle soddisfazioni più grandi – continua Michele – ma siamo consapevoli che è solo un tassello del percorso, non un punto di arrivo”.

“Molto soddisfatta di me – afferma Aurora – perchè non è un voto in merito al solo percorso scolastico, ma rispetto a due anni in cui abbiamo dimostrato la nostra maturità non potendo vivere la nostra giovinezza, e penso che tutti i ragazzi possano capirlo”. 

“Mi sono sentita orgogliosa di me stessa – afferma Giulia – per aver raggiunto questo risultato dopo anni di impegno, sacrificio e rinuncie”.

Cosa vi ha lasciato questo istituto? Sia di positivo che di negativo?

“Di positivo le persone stupende incontrate – affermano gli studenti -, questo istituto ci ha lasciato l’amicizia di alcuni coetanei che spero duri nel tempo. Di negativo le brutte cose dette sulla nostra scuola, che invece non ha nulla da invidiare alle scuole palermitane. Siamo indietro solamente nell’organizzazione, perché ci sono tanti professori in gamba e preparati al meglio”.

Quali sono i vostri programmi futuri? Avete in mente di lavorare o di continuare gli studi?

“Se è possibile alternare entrambi – afferma Michele -, sia per avere una propria indipendenza economica, sia per continuare il percorso di studi ed aspirare sempre a qualcosa di più”.

La vostra idea è di lasciare la Sicilia o vorreste continuare gli studi qua?

“Dopo la laurea vorrei fare dei master fuori – afferma Giulia -, devo dire con grande rammarico che la Sicilia è un posto che probabilmente sarò costretta a lasciare”.

Quali sono i vostri obiettivi per il futuro?

“Il primo di tutti – afferma Michele – uscire da questa pandemia e tornare alla vita normale, poi realizzarmi al meglio”.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.