+++ ULTIM’ORA, MONREALE TORNA ARANCIONE +++

Covid19, questa mattina incontro tra regione ed ASP, i dati sul contagio in diminuzione

0

MONREALE – Si sono abbassati i contagi a Monreale nell’ultima settimana. Il presidente della regione siciliana Nello Musumeci ha appena modificato la classificazione e quindi il livello delle restrizioni anticovid imposte ad alcuni comuni della provincia di Palermo. Questa mattina si è tenuto un incontro presso gli uffici della regione siciliana con i responsabili dell’ASP per valutare l’evoluzione dei dati sul contagio da covid19 dell’ultima settimana. 

Buone notizie per Monreale. La città da domani si colora di arancione. Dopo il mese trascorso in zona rossa, per la città di Monreale si passa ad un livello di rischio da contagio inferiore. 

Riaprono da domani parrucchieri, saloni da barba e centri estetici.

“Il peso del dovere e della responsabilità – ha dichiarato il sindaco Alberto Arcidiacono – è stato portato dalla nostra comunità con grande diligenza. Mai nessun dato è stato risparmiato e abbiamo sempre cercato di condividere con la città sia le preoccupazioni che i risultati importanti. Il lavoro fatto ha consentito, dichiara ancora Arcidiacono, di riprendere il viaggio verso le normali abitudini della nostra vita. È un passo importante ma dobbiamo essere sempre consapevoli che il prossimo futuro dipende soltanto dalla nostra capacità di avere comportamenti conformi alla legge e corretti nei confronti della comunità”.
“I dati consentono a Monreale di lasciare la zona rossa e tornare in arancione – ha dichiarato Marco Intravaia -. La situazione epidemiologica è in miglioramento e questo ha consentito al presidente della Regione di accogliere la richiesta avanzata, qualche giorno fa, dal sindaco Alberto Arcidiacono, giustamente preoccupato per un tessuto produttivo provato dai lunghi mesi di epidemia. L’appello a tutti – conclude Intravaia- è di mantenere un atteggiamento responsabile e rispettare le regole di prevenzione, così da potere al più presto accedere alla zona gialla che ci consentirà ulteriori aperture”.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.