Coronavirus, salgono di nuovo i contagi in Sicilia: 1.384 i nuovi positivi; aumentano i ricoveri

La Regione è terza per numero di casi. Il punto della situazione

0

Sono 1.384 i nuovi positivi al coronavirus in Sicilia su 27.618 tamponi processati nelle ultime 24 ore, con una incidenza del 5%. E’ quanto riporta il bollettino quotidiano elaborato dal ministero della salute. La Regione è di nuovo terza per numero di contagi giornalieri e per il secondo giorno consecutivo.

Le vittime nelle ultime 24 ore sono state 10 portando così il totale a 5.068. Il numero degli attuali positivi è di 24.671 con un incremento di 962 rispetto a ieri. Il numero dei guariti è di 412. Negli ospedali i ricoverati sono 1.390, 25 in più rispetto a ieri, quelli nelle terapie intensive sono 176, 2 in più rispetto a ieri. A livello provinciale Palermo registra un nuovo record per numero di casi con 514 nuovi positivi nelle ultime 24 ore, Catania 321, Agrigento 141, Messina 113, Caltanissetta 81, Enna 65, Ragusa 54, Trapani 52, Siracusa 43.

Musumeci pronto a far decollare AstraZeneca: Open day nel prossimo fine settimana in tutti gli hub

Il presidente della Regione, Nello Musumeci, ha un nuovo piano per far decollare le dosi da somministrare alla popolazione del vaccino AstraZeneca. “Dobbiamo compiere uno sforzo corale – afferma Musumeci – in Sicilia per tornare a fare decollare la vaccinazione con AstraZeneca. Concordo con le parole del capo della Protezione civile, Fabrizio Curcio: non possiamo fare prevalere i timori, dimenticando il valore strategico della vaccinazione”.

“Venerdì, sabato e domenica, dalle 8 alle 22, si potranno vaccinare senza prenotazione – dichiara Musumeci – tutti i cittadini nel target AstraZeneca (a partire da sessant’anni di età). Non è etico tenere bloccate quasi centomila dosi di questo vaccino perché non ci sono adeguate prenotazioni. Chiedo la collaborazione di tutti, dagli Ordini professionali al sindacato, perché serve tornare a correre come prima. Siamo stati un esempio nelle scorse settimane, adesso non può vincere la paura”.

Vaccino Johnson & Johnson sospeso negli Usa: dosi ferme anche in Italia

Negli Stati Uniti è stato disposto lo stop precauzionale al vaccino Johnson & Johnson. Nella giornata di martedì – come anticipato dal New York Times – la Food and Drug Administration ha chiesto di fermare le somministrazioni di Johnson & Johnson con effetto immediato. La sospensione è già operativa nei centri federali, mentre i singoli Stati potrebbero, in teoria, decidere altrimenti.

In Italia le prime dosi di questo vaccino sono arrivate martedì dopo l’approvazione dell’Ema e Aifa. Dopo il blocco negli Stati Uniti il ministero della salute e l’Agenzia del farmaco (Aifa) hanno organizzato un vertice per fare il punto della situazione. Le 184mila dosi del vaccino J&J rimarranno “stoccate” in attesa delle verifiche sui rari eventi avversi che sono stati segnalati.

In Italia 13.447 nuovi contagi, cala il tasso di positività

Sono 13.447 i nuovi casi di coronavirus in Italia nelle ultime 24 ore su 304.990 tamponi processati. Lunedì i nuovi contagi erano stati 9.789 su 190.635 test. Sono invece 476 i decessi registrati in un giorno (ieri 358). Il tasso di positività si attesta al 4,4%, in calo rispetto al 5,1% di domenica. I guariti e dimessi nelle ultime 24 ore sono 18.160.

3.526 invece, pazienti ricoverati nei reparti di rianimazione per Covid in Italia, in calo di 67 unità rispetto a ieri nel saldo giornaliero tra entrate e uscite, mentre gli ingressi giornalieri sono stati 242 (lunedì 167). Nei reparti ordinari sono invece ricoverate 26.952 persone, in calo di 377 rispetto a ieri. I pazienti attualmente positivi al coronavirus in Italia sono 519.220, 5.197 meno di ieri.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.