Campagna vaccinale AstraZeneca, il vaccino nelle parrocchie si rivela un flop

A Monreale istituiti tre centri, ma solamente nella chiesa di Santa Teresa si raggiunge il numero minimo di adesioni, che rimangono comunque poche

0

MONREALE  Nonostante l’operazione lanciata dalla regione siciliana e dalla Conferenza Episcopale Siciliana, gli anziani tra i 69 e i 79 anni presentatisi presso i centri vaccinali, istituiti nelle 130 parrocchie dell’isola, sono stati veramente pochi. In alcuni casi si parla di un vero e proprio flop, dato che non è stato raggiunto il numero minimo di prenotazioni, 50, necessarie per attivare il centro vaccinale.

È quanto è avvenuto ad esempio a Monreale. Delle tre parrocchie messe a disposizione dalla Curia Arcivescovile, Chiesa di San Gaetano in Via Villa Veneto, Convento Santa Maria La Reale alla Rocca, e chiesa di Santa Teresa, solo in quest’ultima è stato raggiunto il numero minimo di prenotazioni, 50, che ne hanno giustificato l’apertura. I pochi anziani prenotatisi per la Chiesa di San Gaetano sono stati dirottati nella parrocchia di Villa Ciambra.

Sono state assegnate ad ogni parrocchia 100 dosi di AstraZeneca. Sarà per le notizie che girano sulle conseguenze registrate (in pochissimi casi mortali) in seguito alla somministrazione di questo specifico vaccino, sarà per la coincidenza con le festività pasquali, sta di fatto che l’adesione alla campagna vaccinale non sta rispondendo alle attese.

Presso la parrocchia di Santa Teresa, come ci racconta Don Vincenzo Bellante, sono state 57 le prenotazioni, e fino alle 10,00 si erano presentati in 50.

La Diocesi di Monreale aveva messo a disposizione 17 hub vaccinali sparsi tra i vari comuni, ma le prenotazioni giunte sono state in tutto 377. E in diverse parrocchie della Diocesi, come a Monreale, il centro non è stato attivato a causa delle ridotte adesioni.

C’è tempo fino alle 18,30 per vaccinarsi. Dopo l’inoculazione del siero si potrà attendere in altri locali della parrocchia per circa 15 minuti, in attesa di eventuali effetti collaterali. Sul posto è presente il personale medico dell’ASP.

Persone in fila al centro istituito nella parrocchia di Santa Teresa
Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.