Monreale, rimessa a nuovo edicola votiva: “Per devozione al SS. Crocifisso”

Giovanni e Maria hanno impiegato 4 giorni per ripulire l'edicola votiva dei primi del '900 posizionata in via Pietro Novelli

0

MONREALE – Giovanni Pensato e Maria, lui di origini palermitane ma lei monrealese doc, da molti anni vivono nella città normanna. Nutrono una forte devozione verso il S.S. Crocifisso di Monreale.

Davanti la loro casa, in via Pietro Novelli, vi è una edicola votiva. Porta la data del 1919. Era rovinata dal tempo e dall’incuria.

“Abbiamo deciso di intervenire per riportare l’edicola al suo antico splendore. I lavori sono durati circa 4 giorni”, racconta Giovanni. 

Le pareti interne erano annerite dal fumo delle candele, unica fonte di luce vista l’assenza di illuminazioni nelle vicinanze.

L’intervento di Giovanni e di Maria si è concentrato sul ripristino della tettoia ormai fatiscente, sulla colorazione delle pareti interne ed esterne e sul ripristino del cancello d’entrata, ormai ammalorato e ricoperto di ruggine.

È stato disegnato anche un particolare fiore, ornato con una pittura dorata. 

“Era in pessime condizioni – spiega Giovanni -, l’edicola è situata davanti la mia abitazione e per me e mia moglie era impossibile fare finta di nulla e lasciarla in quelle condizioni. Sarebbe bello se il comune potesse installare delle lampade pre illuminarla. Non possiamo fare finta di nulla, ogni 3 maggio il S.S. Crocifisso passa proprio lì davanti”. 

Abbiamo chiesto al signor Giovanni come mai fosse così devoto al Santissimo Crocifisso, nonostante le sue origini palermitane. 

“Mio suocero era un confratello del S.S. Crocifisso – dice il signor Pensato – era inevitabile che rimanessi legato a questa santa figura.

Anche il difficile periodo caratterizzato dalla pandemia ha influito, avrei dovuto fare un pellegrinaggio al SS. Crocifisso, ma visto che non è stato possibile per la chiusura delle frontiere ho pensato in alternativa di restaurare questa edicola votiva ormai fatiscente come segno di devozione”. 

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.