Covid, con Sicilia zona gialla non cambia nulla per la scuola

Restano inalterati, almeno per ora, i criteri e le modalità di accesso alle scuole di ogni ordine e grado vigenti

0

PALERMO – L’ordinanza del presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, con la quale si recepisce il provvedimento nazionale per il passaggio dell’Isola in zona gialla a partire da lunedì, non apporta alcuna modifica sul fronte scolastico.

Restano dunque inalterati, almeno per ora, i criteri e le modalità di accesso alle scuole di ogni ordine e grado vigenti: frequenza al cento per cento fino alla secondaria di primo grado; gli istituti superiori continueranno ad operare al cinquanta per cento dell’utenza studentesca. È consentita l’ammissione quotidiana solo agli alunni portatori di disabilità o Bes.

La decisione è stata adottata dal presidente Musumeci, insieme all’assessore all’Istruzione Roberto Lagalla e all’assessore alla Salute Ruggero Razza. Secondo l’ultimo report della regione siciliana le sole scuole di Infanzia e I ciclo, dal raffronto con i dati della scorsa settimana, 1 febbraio 2021, si evidenzia che l’incidenza degli alunni positivi ha subito una diminuzione passando dallo 0,27% della settimana scorsa all’attuale 0,26%.

Considerando l’intero periodo di osservazione, dal 19 novembre 2020 a oggi, il trend dell’incidenza degli alunni positivi al COVID-19 si conferma in diminuzione. Tale valore è passato dallo 0,46% del 19 novembre 2020 allo 0,26% dell’8 febbraio 2021. Questi valori forse, avrebbero spinto la Regione Sicilia a non cambiar nulla per ora sul fronte della scuola

 

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.