Monreale, giro di poltrone in giunta, più peso al Mosaico

La Barbera in pole per entrare in giunta, ad uscire Grippi o D'Eliseo

0

MONREALE – A distanza di poco più di un mese dal primo rimpasto di giunta, che ha visto l’ingresso di Paola Naimi e l’uscita di Nicola Taibi, a breve potrebbe registrarsi un nuovo giro di poltrone all’interno della squadra di governo. O, più precisamente, un riassetto del peso assunto al suo interno dagli alleati. È quanto è emerso ieri pomeriggio al termine di una riunione di maggioranza incentrata essenzialmente sulla questione cimitero che, come anticipato, a breve sarà sottoposta al vaglio del consiglio comunale.

A sostenere la necessità di rivedere gli equilibri nella squadra di governo è da tanti mesi il “Mosaico”, come più volte raccontato su queste colonne. È, con i suoi quattro consiglieri, uno dei gruppi di maggioranza più numerosi. Certamente tra questi é quello, e forse l’unico, che in più occasioni ha segnato le distanze dalle posizioni assunte dagli altri alleati. E lo ha fatto apertamente, in consiglio comunale. Un aspetto sottolineato durante la riunione di ieri da alcuni alleati che hanno espresso l’auspicio che da adesso in poi all’interno della maggioranza ci possa essere sempre una discussione interna, anche ampia, sui temi da affrontare, ma finalizzata a giungere ad una posizione collegiale, unitaria, da presentare alla città. Insomma, che i panni sporchi si lavino in famiglia e non fuori.

Il consigliere comunale Giulio Mannino ha avanzato la disponibilità a cedere una delle due poltrone che “La Terra Nostra” (di cui è capogruppo) detiene in giunta a favore degli alleati del “Mosaico”.

La disponibilità a questo “sacrificio” verrebbe offerta nell’ottica di consolidare l’alleanza di governo e di giungere ad una maggioranza più solida e coesa, capace di muoversi all’unisono, senza più salti in avanti o marce indietro. Mannino ha sottolineato questo concetto ricordando episodi che avrebbero rischiato di incrinare il rapporto di fiducia reciproca all’interno della squadra di governo.

Ancora la decisione non è presa, così come sarebbe ancora da definire chi, tra gli assessori Luigi D’Eliseo (bilancio) e Salvatore Grippi (rifiuti), dovrebbe fare un passo indietro. Ma l’ipotesi è concreta, messa sul tavolo. La sua ratifica potrebbe arrivare già entro la metà di febbraio. Il nome più accreditato tra chi subentrerebbe è quello del consigliere Francesco La Barbera, un ingegnere, al quale potrebbero essere assegnate delle deleghe tecniche. 

Ma l’uso del condizionale, in politica, è sempre d’obbligo. La prossima settimana, come detto, potrebbe arrivare sui banchi del consiglio comunale l’approvazione della delibera relativa all’edificazione del nuovo cimitero di Pioppo. Un progetto intorno al quale all’interno della maggioranza le posizioni assunte sono state le più diverse. 

Potrebbe essere la cartina di tornasole che si attende, anche se Arcidiacono ha sempre dichiarato che sulla questione cimitero, non essendo stata inserita nel programma di governo, i gruppi non sono vincolati ad una decisione univoca.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.