L’abbeveratoio di via Pietro Novelli: una discarica a cielo aperto

"Costretti a prendere l'acqua tra i rifiuti", ancora una volta cittadini irrispettosi del bene comune

0

MONREALE – “Simao costretti a venire a prendere l’acqua tra i rifiuti”. Continuano gli atti di inciviltà presso l’abbeveratoio di via Pietro Novelli, dove ogni giorno i cittadini più incivili gettano il proprio sacchetto della spazzatura invece di seguire il corretto conferimento.

La fontana, risalente al 1936, era stata pulita più volte dai volontari locali nel corso degli ultimi mesi, ogni volta che i cittadini maleducati venivano a imbrattare la zona con la loro spazzatura. 

Abitudine che nell’ultimo periodo si è fatta purtroppo sempre più frequente. 

Il disagio è iniziato qualche mese fa, da quando è misteriosamente scomparsa la catena montata davanti all’abbeveratoio, collocata per evitare che gli abitanti vi parcheggiassero.

Nei pressi dell’abbeveratoio sono state trovate anche delle bottiglie di birra, lasciate sul posto dopo essere state consumate. 

“Non si può continuare così – spiega un residente, infastidito dai continui e sempre più frequenti atti vandalici -, non passa una settimana da quando l’abbeveratoio viene pulito che gli incivili vengono ad imbrattare questo prezioso luogo per i monrealesi. Noi della via Pietro Novelli siamo abbandonati a noi stessi, non viene mai fatto un controllo dalle forze dell’ordine e adesso questo reperto storico è diventato una discarica a cielo aperto”.

La richiesta degli abitanti della zona, fatta più volte a chi di competenza, è quella di installare nel minor tempo possibile delle telecamere di video sorveglianza nei pressi dell’abbeveratoio così da disincentivare questi gesti incivili.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.