Le passa la febbre ma senza l’esito del tampone non può rientrare a scuola

"Siamo isolati a casa". La storia di una famiglia di San Martino delle Scale

0

SAN MARTINO DELLE SCALE – La figlia sta male: ha mal di gola e tosse, poi arriva anche la febbre. Dopo aver consultato il medico di famiglia,  avvertendo dei sintomi associabili al COVID-19, viene inviata la segnalazione all’Asp. Ma a distanza di sei giorni non è arrivata ancora nessuna risposta. Fortunatamente, nel frattempo, migliorano le condizioni di salute della bambina ma se non esegue il tampone non può tornare a scuola.

È il limbo in cui si trova una famiglia residente a San Martino delle Scale che da lunedì attende una risposta dell’Asp. Intanto, martedì si recherà nel presidio Casa del Sole, a Palermo, per eseguire il tampone in auto. La giovane da venerdì della settimana scorsa non è più rientrata a scuola. “Appena ha accusato i malesseri non l’ho mandata a scuola – spiega il padre -, nel rispetto delle disposizioni. Nel pomeriggio di lunedì la temperatura si è alzata a 38.8, ho avvisato il medico curante che ha ritenuto di attendere un po’, visto che mia figlia è un soggetto allergico. Adesso sta bene, ma se non fa il tampone chiaramente non può rientrare a scuola perché ci vuole il certificato del medico che di certo non può prendersi la responsabilità di farmelo senza avere l’esito”.

In questi giorni di incertezza, a rendere più complessa la situazione familiare è la sospensione della fisioterapia domiciliare di un’altra figlia. All’interno del nucleo c’è una ragazza con delle disabilità gravi che ha dovuto interrompere le sue sedute  e per riprenderle, anche in questa circostanza, sarà necessario l’esito del tampone.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.