Giro d’Italia, un’organizzazione perfetta grazie anche al lavoro dei volontari

Dalle ore 8 fino a fine gara hanno garantito il controllo dei 27 varchi, hanno affiancato Carabinieri e Polizia Municipale

0

MONREALE È passata la sbornia del Giro d’Italia, con la vittoria della prima tappa a cronometro e la maglia rosa aggiudicata a Filippo Ganna. Con una partenza della gara da Monreale, e un’organizzazione perfetta che ha permesso lo svolgimento in modo encomiabile, grazie anche ad una sapiente organizzazione dell’Amministrazione Comunale cui hanno contribuito tutti, cittadinanza compresa che si è dimostrata responsabile evitando assembramenti ed indossando le mascherine protettive e che ha portato la nostra cittadina all’attenzione non solo italiana ma mondiale.

Il corpo della Polizia Municipale di Monreale

Ma se tutto ciò è stato possibile, oltre all’impegno dei Carabinieri e delle forze di Polizia Municipale locale, lo si è dovuto anche allo spirito di sacrificio e di abnegazione dei volontari delle varie Associazioni presenti nel territorio: ANPS, Evergreen, Oasi del Cavallo, Overland e Pro Loco Monreale che hanno presidiato i 27 varchi predisposti dall’organizzazione del giro, impedendo l’afflusso di veicoli e persone, ed effettuando un lavoro faticoso e poco conosciuto dai più.

Senza fare torto a nessuna di queste Associazioni, citiamo un personaggio, ma la stessa situazione è riferibile a tutte, e ci riferiamo a Pietro Faraci della Pro Loco Monreale, che molti di voi lettori conoscono per l’impegno volontaristico messo con la sua Associazione “Basta Crederci” nelle pulizie dalle sterpaglie di tutte le scuole del nostro territorio.

Lui, come tanti altri, dalla mattina alle ore 8 fino a fine gara non si è mosso dalla sua postazione.

Piero Faraci – Ass. “Basta Crederci”

Sarebbe opportuno che il Sindaco Alberto Arcidiacono riconoscesse a queste Associazioni anche il merito della perfetta riuscita della manifestazione, non limitandosi ad un semplice ringraziamento verbale ma offrendo loro almeno un encomio in una pubblica ed istituzionale cornice.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.