Salgono a dieci i positivi a Corleone, città blindata

Il focolaio sarebbe scoppiato nel corso di una festa di matrimonio tra i 250 invitati

0

Salgono a dieci i casi di Coronavirus e la città è stata messa in un parziale lockdown ma non è una zona rossa.

Il focolaio sarebbe scoppiato lo scorso 12 settembre nel corso di una festa di matrimonio, tra i 250 invitati sono risultati positivi quattro familiari dell’infermiera del reparto di Geriatria dell’ospedale Ingrassia, poi ricoverata al Civico con i sintomi del Covid, e altre sei persone.

Intanto a Corleone i cancelli delle scuole a rimarranno chiusi fino al primo ottobre. Edifici scolastici sbarrati anche a Marineo e Bisacquino, perché alcune docenti e trenta studenti erano presenti al ricevimento. Inoltre, gli alunni pendolari da Corleone a Bisacquino da lunedì non andranno a scuola. In via precauzionale, è sospeso anche il trasporto effettuato dalla ditta.

L’ordinanza comunale scattata un giorno fa prevede la chiusura di musei, parco urbano e circoli ricreativi, oltre che la sospensione del mercato cittadino. Modificati pure gli orari di pub, bar e sale giochi che possono restare aperti fino alle 22 mentre palestre, impianti sportivi e scuole di ballo dovranno tirare giù la saracinesca entro le 20. Il Comune ha attivato una mail per consentire a chi ha preso parte all’evento del 12 settembre di segnalare la propria presenza: finora quasi in duecento hanno risposto inviando i propri dati, in attesa dei controlli dell’Asp tutti dovranno mettersi in isolamento volontario.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.