“La nostra disgrazia è essere nati a Monreale”, i tassisti incrociano le braccia (IL VIDEO)

“Discriminati e abbandonati dalle istituzioni. E la navetta gratuita ci ha tolto l’unica fonte di lavoro rimasta”

MONREALEChe colpa abbiamo se la nostra disgrazia è di essere nati a Monreale?

I 7 tassisti di Monreale questa mattina hanno deciso di mettere i sigilli alle loro autovetture, per protestare contro l’amministrazione comunale dimostratasi “assente dinanzi ad un problema che stiamo vivendo oramai da tanti anni”.

Monreale – La protesta dei tassisti

Publiée par FiloDiretto Monreale sur Mercredi 2 septembre 2020

I titolari di licenza monrealesi dichiarano di sentirsi abbandonati dalle amministrazioni sia di Monreale che di Palermo, nonostante i vari incontri e tavoli tecnici allestiti dalle istituzioni per affrontare la problematica: “Tenuti fuori dal circuito Arabo-Normanno, esclusi dall’evento del giro d’Italia, dato che non potremo fornire il servizio per l’aeroporto, il porto e la stazione centrale”.

“Per ultimo, a penalizzarci ulteriormente, è stata l’istituzione della navetta gratuita. È stato il colpo di grazia che non ci saremmo mai aspettati dall’amministrazione Arcidiacono che aveva mostrato di interessarsi alle nostre problematiche”. Un’amministrazione che oggi i tassisti non vogliono più incontrare: “Troppi “poi vediamo”. L’unica fonte di lavoro rimasta consisteva nel portare i turisti dal parcheggio alla piazza. Ci è stata tagliata anche questa possibilità.

In un comunicato video, Filippo Spinnato, rappresentante sindacale della categoria, chiarisce come siano sottoposti ad un trattamento discriminatorio, tutto a vantaggio dei loro colleghi palermitani, e come siano costretti a sopportarlo da troppi anni.

“Non possiamo operare all’interno dell’area metropolitana di Palermo, prelevando l’utenza dalle strutture di Palermo secondo una normale turnazione. Né possiamo lavorare all’interno del percorso arabo-normanno nonostante il protocollo firmato dalle amministrazioni di Palermo e Monreale. 

Non possiamo operare neanche nel nostro comune, poiché i tassisti di Palermo, senza un accordo con la categoria di Monreale per unificare il servizio, svolgono un servizio continuativo e periodico all’interno del nostro comune, vietato dall’articolo 1 del regolamento tassisti. I tassisti di Palermo attendono gli utenti per riportarli nel capoluogo, ignorando che a Monreale esiste il servizio taxi”.

I tassisti lamentano come sia stato sollevato più volte, dinanzi ai sindaci di Palermo e Monreale, Orlando e Arcidiacono, la divergenza tra il regolamento adottato a Palermo con quello nazionale relativo alle aree metropolitane. Quest’ultimo prevede che tutti i tassisti dell’area possano operare nei comuni di tutto il territorio. Aeroporto, porto e stazione compresi.

“Per risolvere questa annosa vicenda che sta sconvolgendo la vita delle nostre famiglie sarebbe necessario che venisse sottoscritto un nuovo protocollo di intesa tra i due comuni per uniformare il servizio taxi, allineandolo con quello previsto dal regolamento nazionale sulle aree metropolitane. Avremmo così la liberalizzazione del servizio escludendo qualsiasi forma di discriminazione”.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.