Incendio della Moarda, De Luca: “Dichiareremo lo stato di calamità”

Fortunatamente nessuna vittima. Danneggiate auto, abitazioni, rete idrica, pubblica illuminazione e strade

0

“Non è ancora finita ma stiamo facendo il punto della situazione con i comandanti dei carabinieri e della polizia municipale. Fortunatamente non abbiamo subito vittime umane ma danni a macchine, abitazioni, rete idrica, pubblica illuminazione, strade, e soprattutto alla nostra identità, al nostro cuore e alla nostra vita”. Così il sindaco di Altofonte, Angela De Luca scrive su Facebook dopo 24 ore interminabili trascorse a seguire sul posto gli incendi.

All’indomani dell’incendio che ha distrutto il bosco della Moarda si cerca di fare una prima conta dei danni che il territorio ha subito.

“Appare chiaro a tutti – prosegue – l’attentato che abbiamo subito, non sono servite bombe, armi ma hanno distrutto il nostro territorio. Domani dichiareremo lo stato di calamità, perché la montagna per noi era vita, ossigeno, acqua e per tanti lavoro. Un attentato che ci costerà carissimo dal punto di vista di risorse e di cuore. Paesaggi e luoghi che abbiamo percorso con lo sguardo, da bambini, coi nostri figli adesso non ci sono più. L’odore acre del fumo è sui nostri vestiti, sulla nostra pelle, fisso nelle pareti delle nostre case e li resterà per giorni. Stasera un pensiero lo voglio rivolgere ai volontari della protezione civile, vigili del fuoco, croce rossa, 118, agli impiegati comunali e soprattutto – conclude – agli operai forestali che sono ancora impegnati ad Altofonte ed in tutta la Sicilia che ancora brucia sotto i nostri occhi”.

 

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.