Ztl e zone blu il consiglio comunale dice “NO”. Ferrandelli: “Adesso il sindaco ritiri l’ordinanza”

Chinnici e Inzerillo: "Fuga in avanti da parte di Catania, non bisogna punire i commercianti". Figuccia: "Maggioranza a pezzi, incapace di affrontare le vere priorità della città"

Ztl e zone blu rimangono attive, fino ad un eventuale provvedimento di Orlando

PALERMO – Il Consiglio comunale di Palermo approva la mozione per lo stop della Ztl  e della zona blu fino al termine dell’emergenza. Nel frattempo entrambe rimangono attive, fino ad un eventuale provvedimento del primo cittadino. “Adesso il sindaco ritiri l’ordinanza”, plaude al risultato ottenuto il consigliere d’opposizione Fabrizio Ferrandelli.

Tra diverse polemiche e malumori, la Ztl e le strisce blu sono tornate in funzione il 3 agosto, dopo il periodo di sospensione dovuto al lock down. Già in precedenza il Consiglio si era espresso per una sospensione, ribadendo la necessità di sospendere la ZTL centrale fino alla durata dello stato di emergenza sanitaria stabilito dal Governo Nazionalee. “In modo ostinato sono state reintrodotte, proveremo a far sentire un’altra voce della città”, aveva scritto sui social il leader di +Europa. La mozione è stata presentata da Ferrandelli

Il provvedimento per la salvaguardia dell’ambiente è valido ormai dal 2016. La Ztl diurna è attiva da lunedì e venerdì dalle 8 alle 20, questo fine settimana partirà anche la Ztl notturna per la prima volta con gli orari estivi: venerdì e sabato a partire dalle 20 fino alle 6 di mattina.

Una seduta dai toni decisamente animati, quella di oggi  a Sala delle Lapidi. Ad affermarlo Sabrina Figuccia, Consigliere comunale Udc. “Non è stato semplice, ma alla fine Ztl e strisce blu sono state rispedite al mittente, senza se e senza ma. Ne esce fuori una maggioranza a pezzi, incapace di affrontare le vere priorità della città. Rendersi conto che in piena pandemia e dopo l’alluvione del 15 luglio non aveva alcun senso ripristinarle, ma questa amministrazione sceglie sempre il braccio di ferro con i cittadini e questa volta ha sonoramente perso. A vincere sono invece gli interesse della collettività schiacciata da una crisi nera e da una profonda incapacità nel gestire la città. Il Sindaco prenda atto di questa sconfitta e si renda conto del fatto che ormai neppure la maggioranza è disposta a seguirlo”.

“Far ripartire la Ztl come se il Covid fosse sparito e nel bel mezzo di una crisi economica senza precedenti è sbagliato e irresponsabile – affermano Dario Chinnici e Gianluca Inzerillo, capigruppo di Italia Viva e Italia Viva-Sicilia Futura – assistiamo ancora una volta alla fuga in avanti dell’assessore Catania che pensa di poter fare campagna elettorale sulla pelle delle imprese allo stremo. Chiediamo che l’amministrazione si fermi e si conforti con la maggioranza: Italia Viva non rimarrà a guardare mentre si condannano a morte le attività produttive della città”.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.