Segnala a Zazoom - Blog Directory

“Ho provato a rianimarlo in tutti i modi possibili”, il racconto del papà del bambino morto questa notte a Monreale

“Il bambino si era poi allontanato un attimo ed era entrato nella sua stanza, non è passato neanche un minuto dal suo ritrovamento"

MONREALE Il piccolo Agostino Mario Prestidonato avrebbe compiuto 3 anni l’undici maggio.

“Il bambino era con noi che guardava la TV, era appena stato cambiato per la notte e si accingeva a prendere il latte”. È il padre, Antonio, a volere raccontare la dinamica di questo terribile incidente che ieri sera ha distrutto la sua famiglia.

“Il bambino si era poi allontanato un attimo ed era entrato nella sua stanza, un posto che era stato adibito con tutte le sicurezze necessarie per un bambino. Basti pensare che io sono uno psicoterapeuta in campo clinico e mia moglie è psicologa e si occupa di difficoltà scolastiche”.

Appena entrato nella stanza Antonio ha trovato il bambino esanime. “La dinamica non è chiara neanche a noi”, spiega. 

Sembra che sia entrato in stanza correndo o che sia salito sul suo banchetto da scuola alto 50cm, abbia perso l’equilibrio e sbattuto la testa contro il muro perdendo conoscenza. Un assurdo gioco del destino ha voluto che ripiegando verso terra, la testolina sia entrata all’interno di una cordicella per la tenda che ha un’altezza di 70cm”. 

Agostino Mario era alto 90cm. “Com’è possibile che non si sia riuscito a liberare la testa, come mai non ha usato le mani per sfilare dal collo il laccetto?”, si chiede il papà. 

“Di certo non è passato neanche un minuto dal suo ritrovamento. Ho provato a rianimarlo in tutti i modi possibili, poi sono arrivate le autoambulanze ed i medici rianimatori. Ma è stato tutto vano. I carabinieri ed il magistrato hanno chiuso l’indagine in nottata e ci hanno restituito il corpo”. 

“I carabinieri sono stati molto empatici, ci hanno dato tutto il supporto in questa difficile notte. Noi siamo distrutti, i funerali non potranno essere celebrati per le norme in atto. Abbiamo ricevuto la benedizione del vescovo”.

Il sindaco Alberto Arcidiacono ha deciso di proclamare il lutto cittadino: “Monreale ha perso un figlio. Non esistono parole per descrivere quanto accaduto…soltanto domande alle quali non è possibile restituire risposte. Un dolore incommensurabile avvertito da una comunità che saprà stringersi attorno alla famiglia. È mio intendimento proclamare il lutto cittadino”.

Un angioletto volato via, Agostino Mario Prestidonato, strappato alla vita a soli 3 anni

Monreale, muore un bambino di 3 anni mentre gioca nella stanzetta

 

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.