Amabile (SRR): “Noi ci siamo, Palma compreso, perché il consigliere Capizzi non c’è stato quando doveva esserci”

"Non ho padroni né padrini, 23 comuni stremati nel settore rifiuti per l’inerzia decennale dei molti amministratori che nel tempo si sono succeduti, Capizzi compreso"

0

MONREALE – Il 28 febbraio scorso il dott. Matteo Amabile, commissario straordinario della SRR Palermo Ovest, aveva assunto, tra i suoi collaboratori, il dott. Giovanni Palma. Questa decisione aveva sollevato nel consigliere comunale Piero Capizzi, ex sindaco di Monreale, una serie di perplessità che aveva espresso su queste colonne (VEDI ARTICOLO). A tal punto che il consigliere comunale di Alternativa Civica aveva chiesto al sindaco Arcidiacono (del quale Palma, a detta di Capizzi, avrebbe curato la campagna elettorale in occasione delle ultime amministrative) di vigilare sulla SRR. L’ex sindaco aveva dichiarato inoltre che avrebbe provveduto a segnalare la vicenda all’Assessore Regionale ai rifiuti.

Non tarda ad arrivare la replica, che pubblichiamo integralmente, del commissario straordinario della SRR Palermo Ovest che, nel motivare le sue scelte in seno alla società, risponde a Capizzi rinfacciandogli le sue responsabilità in quanto ex sindaco di un comune socio (di maggioranza, perché Monreale detiene il 25% delle azioni della SRR) della società di regolamentazione dei rifiuti.

 

C.A. Dott. Luigi Gullo

Dottore, anche se avulso da logiche politiche che non mi appartengono (o meglio ho le mie idee ma le tengo strette) mi corre l’obbligo di replicare all’articolo da Lei pubblicato, per riportare ogni tassello al suo posto e fare chiarezza perché non posso permettere che una mia decisione effettuata in piena autonomia, ribadisco solo dopo che l’interpello è andato a vuoto, possa diventare oggetto di discussione politica o peggio ledere il mio nome e la mia immagine.

Inizierei con il dire che: “noi ci siamo, Palma compreso, perché il consigliere Capizzi non c’è stato quando doveva esserci”, pur essendo il Sindaco del Comune capofila dal 2014 al 2019, e, quindi, il maggiore azionista della SRR Palermo Provincia Ovest.    

Allora, sgombriamo il campo da ogni equivoco perché è offensivo per la mia, seppur limitata intelligenza, che si possa pensare che il Sindaco Arcidiacono (che fra l’altro stimo molto – conosciuto, questo sì e su mia richiesta, per il tramite del dott. Palma – non si va in casa d’altri senza salutarne il padrone), abbia potuto impormi qualcuno o qualcosa perché questo non è mai successo in passato e non potrà succedere neanche in futuro.

Ecco, adesso qualcuno si permette di sindacare chi in questo momento si sta impegnando e non a parole, a dare forma e sostanza a una società che con la gara d’ambito darebbe respiro ad un bacino di 23 comuni, oramai stremati nel settore della raccolta dei rifiuti e ciò proprio per l’inerzia decennale dei molti amministratori che nel tempo si sono succeduti, Capizzi compreso, dimenticandosi persino che dietro il non fare c’erano centinaia di persone che avevano perso il lavoro.

Consigliere Capizzi se ne faccia una ragione perché Giovanni Palma, mio valido collaboratore e profondo conoscitore del territorio, è una persona brillante, pieno di iniziativa, di buoni propositi e che collimano con i miei e in più lo conosco da una decina d’anni e cioè da quando ho avuto piacere di assistere alla sua laurea e, fra l’altro, è un mio cugino acquisito. Spero ora mi risparmi dal darmi del nepotismo ma preferisco piuttosto questo sostantivo che altre oscure trame a me sconosciute e che non mi appartengono.

Poi se vuole scriva a chicchessia, perché fortunatamente non ho né padroni tantomeno padrini e rispondo da quando ho il lume della ragione solo alla mia coscienza. 

*Matteo Amabile (Commissario straordinario SRR Palermo Ovest)

LEGGI ANCHE:

“Primo obiettivo assumere tutti i dipendenti rimasti senza lavoro”, l’intervista al commissario della SSR Palermo Ovest

La Srr Palermo Ovest assume consulente, Capizzi chiede al sindaco di vigilare

 

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.