Teatro-cine Imperia, rinviato l’incontro con la Regione. Caputo: “Comprendo gli impegni del Sindaco ma era una riunione importante”

Pupella ha verificato all’Assessorato Regionale alle Infrastrutture la disponibilità delle risorse finanziarie impegnate a suo tempo con decreto del 2010

0

“Comprendo la particolarità del momento ma si trattava di un tavolo tecnico di particolare rilievo atteso che tutti gli attori interessati, Governo regionale, comune di Monreale, uffici comunali ed impresa avevano dato la disponibilità e probabilmente ci saremmo alzati con una soluzione condivisa”. Così commenta il deputato di Forza Italia, Mario Caputo l’assenza del sindaco Alberto Arcidiacono al tavolo tecnico convocato per ieri mattina per affrontare e risolvere i problemi che ad oggi bloccano i lavori di ristrutturazione del Teatro -cine Imperia. L’incontro slitta al 5 marzo presso l’Assessorato della Regione.

L’amministrazione comunale nella giornata di ieri aveva fatto sapere che sarà la ditta Euroservizi s.r.l. a occuparsi del completamento dei lavori del Teatro-cine Imperia. Dopo oltre cinque anni di fermo dei lavori volge al termine il contenzioso con l’Impresa Euroservizi s.r.l. che si era aggiudicata l’appalto dei lavori per la ristrutturazione del Cinema Imperia. Le trattative per la chiusura del contenzioso apertosi nel 2014 erano state avviate tra i rappresentanti delle due parti già nello scorso mese di novembre 2019. Adesso é partita un’ipotesi transattiva che potrebbe consentire la ripresa dei lavori entro breve tempo, infatti il Comune di Monreale ha già incaricato il professionista che dovrà redigere il collaudo tecnico-amministrativo delle opere sin qui realizzate.

“Ritengo che il Sindaco poteva farsi rappresentare da uno dei componenti della giunta comunale – aggiunge Caputo – e consentire i lavori. Comunque l’assessore regionale Marco Falcone che ringrazio per la sensibilità ha fissato per il prossimo 5 marzo il tavolo tecnico, che mi auguro sia risolutivo”.

L’Assessore Geppino Pupella, delegato dal Sindaco Arcidiacono, ha verificato presso l’Assessorato Regionale alle Infrastrutture la disponibilità delle risorse finanziarie impegnate a suo tempo con decreto del 2010. A questo punto, la parola passa ai tecnici che dovranno verificare la percorribilità giuridica dell’ipotesi di accordo che metterebbe la parola fine a una vicenda iniziata nel 2005 e che ha privato la Città di Monreale di una struttura ludico-ricreativa di estremo interesse che verrà messa a disposizione dei giovani e cittadini .

 

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.