Niente tessere gratuite per gli studenti pendolari, ad Altofonte scoppia la protesta

La cittadina parchitana si sveglia con striscione in protesta alla soppressione del servizio gratuito dell'Ast per Studenti e disabili

[ngg_images source=”galleries” container_ids=”179″ display_type=”photocrati-nextgen_basic_imagebrowser” ajax_pagination=”0″ template=”default” order_by=”sortorder” order_direction=”ASC” returns=”included” maximum_entity_count=”500″]

Altofonte, 14 settembre 2017 – Il consiglio comunale di Altofonte ha approvato il taglio alla distribuzione di tessere gratuite Ast agli studenti pendolari. Il duro provvedimento del consiglio comunale è una diretta conseguenza delle necessità di far quadrare i conti delle casse comunali, priorità della giunta parchitana guidata dal sindaco Angelina De Luca. 

I cittadini di Altofonte però non hanno mandato giù il provvedimento che mette in difficoltà numerose famiglie e colpisce una delle fasce di cittadini che, anzi, dovrebbero essere tutelati: gli studenti. Questa mattina, Altofonte si è svegliata con uno striscione esposto in piazza Falcone Borsellino, in protesta alla soppressione dell’abbonamento per il servizio gratuito dell’Ast per Studenti e disabili.

Sullo striscione si legge scritto: «Si è votato il cambiamento ma siamo senza abbonamento». 
Qualche giorno fa, infatti, si è formato un comitato, che prenderà decisioni in merito alle prossime iniziative di protesta. Comitato composto da studenti, genitori di questi ultimi e cittadini di Altofonte, unitisi in seguito ad un’assemblea datasi qualche giorno fa, a cui hanno partecipato 200 persone.

Durante l’incontro si è discusso del taglio apportato al servizio gratuito per studenti e disabili che è stato, appunto, uno dei primi provvedimenti varati e messi in atto dal nuovo sindaco di Altofonte: Angelina De Luca, insediatasi alle ultime elezioni, lo scorso giugno. «Uno dei tanti provvedimenti – protesta il comitato – per fare cassa per il comune.

Tramite lo striscione, gli studenti chiedono che il servizio navetta venga immediatamente riattivato, dicendo a gran voce che il diritto alla mobilità non solo non deve essere toccato, ma deve anche restare gratuito.

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.